Neurite acustica: sintomi, trattamento

La neurite acustica è un "problema" dell'orecchio interno e del nervo uditivo. La malattia si verifica abbastanza spesso, specialmente in una forma cronica. I principali sintomi della neurite del nervo uditivo sono la perdita dell'udito e la comparsa di rumore nell'orecchio, che può essere unilaterale o bilaterale. Questa malattia ha molte cause. Per la diagnosi sono necessari numerosi metodi di ricerca aggiuntivi. Il trattamento per la neurite del nervo uditivo è in gran parte determinato dalla causa che lo ha causato. Nella maggior parte dei casi sono indicati farmaci vascolari, farmaci che migliorano la microcircolazione, vitamine e antiossidanti. Questo articolo contiene informazioni su tutto ciò che riguarda la neurite acustica..

Un sinonimo per il termine "neurite uditiva" è neurite cocleare. A volte, anche nella gente comune, la neurite del nervo uditivo è chiamata ipoacusia neurosensoriale. Dal punto di vista della medicina ufficiale, l'ultima affermazione non è del tutto corretta. La perdita dell'udito neurosensoriale è una perdita dell'udito associata a danni a qualsiasi struttura nervosa, dalle cellule recettoriali nell'orecchio interno alle cellule nervose nel cervello. La neurite acustica comporta danni solo alle cellule recettrici dell'orecchio interno e al nervo stesso.

Va detto che il nervo uditivo è parte integrante dell'VIII coppia di nervi cranici (vestibolare), cioè le sue fibre passano nello stesso fascio con il vestibolare. Pertanto, abbastanza spesso, il danno al nervo uditivo si verifica contemporaneamente al danno ai conduttori vestibolari. E poi, oltre ai problemi di udito e alla comparsa di acufeni, possono manifestarsi altri sintomi (in particolare, vertigini, nausea, vomito, tremore degli occhi, squilibrio e andatura). Ma non hanno nulla a che fare direttamente con la neurite del nervo uditivo..

Cause della malattia

Cosa causa danni al nervo uditivo? Ci sono molte ragioni. Possono essere raggruppati in questo modo:

  • infezioni (virali e batteriche). Questi sono i virus dell'influenza, dell'herpes, della rosolia, del morbillo, della parotite, dell'agente eziologico della sifilide, dei meningococchi;
  • disturbi vascolari, cioè violazioni dell'afflusso di sangue all'orecchio interno e al nervo uditivo. Molto spesso è ipertensione, aterosclerosi dei vasi cerebrali;
  • traumi al cranio, interventi chirurgici sul cervello (nell'area dell'osso temporale e del tronco encefalico), traumi acustici e barotraumi (immersioni, viaggi aerei);
  • effetti tossici. Particolarmente pericolosi per l'orecchio interno e il nervo uditivo sono i sali di metalli pesanti (mercurio, piombo), arsenico, fosforo, benzina, alcol. Questo gruppo comprende anche farmaci come antibiotici aminoglicosidici (gentamicina, kanamicina, streptomicina e altri), agenti antineoplastici (ciclofosfamide, cisplatino), farmaci contenenti acido acetilsalicilico;
  • esposizione a lungo termine (professionale) al rumore e alle vibrazioni;
  • tumori (il più delle volte schwannoma vestibolare e tumori metastatici).

Naturalmente, queste non sono tutte le cause di danno al nervo uditivo, ma le più comuni. Inoltre, il diabete mellito, le reazioni allergiche, le malattie autoimmuni (lupus eritematoso sistemico, sarcoidosi e altri) possono a volte essere "incolpate" per l'insorgenza di neurite del nervo uditivo. In alcuni casi, la causa della perdita dell'udito rimane un mistero e quindi la neurite uditiva è considerata idiopatica.

Sintomi

La malattia è caratterizzata dalla comparsa di solo due sintomi:

  • perdita dell'udito;
  • la comparsa di suoni aggiuntivi nelle orecchie (rumore, squillo, fischio e così via).

La perdita dell'udito può interessare un orecchio con un processo unilaterale o entrambi con un processo bilaterale. Con una leggera diminuzione dell'udito in un orecchio con una lenta progressione della malattia, questo sintomo può passare inosservato a causa della compensazione con un orecchio sano. Tali cambiamenti possono essere identificati solo con metodi di ricerca aggiuntivi (audiometria). E in generale, la perdita dell'udito potrebbe non essere notata dal paziente. Soprattutto quando la malattia si manifesta gradualmente e non è ancora accompagnata da altri segni.

La comparsa di suoni aggiuntivi nell'orecchio viene quasi sempre immediatamente notata dai pazienti. Questo sintomo a volte li porta da un medico e, dopo l'esame, viene rilevata anche la perdita dell'udito. Rumore, squilli, fischi, picchiettamenti, fruscii si intensificano di notte, quando c'è silenzio intorno. In effetti, l'intensità di questi fenomeni sonori rimane la stessa, proprio sullo sfondo di una diminuzione dei suoni dall'esterno, sembrano essere più forti. Se la perdita dell'udito raggiunge il grado di sordità, tutti i suoni aggiuntivi scompaiono.

Tutti gli altri segni della malattia (ad esempio, febbre, naso che cola, vertigini, vomito, mal di testa, ecc.) Non sono specifici, cioè non indicano in alcun modo un danno al nervo uditivo. Ma aiutano a stabilire la vera causa del danno al nervo uditivo..

Se l'udito si manifesta in modo acuto, entro poche ore o un paio di giorni, ciò indica una neurite acuta del nervo uditivo. Molto spesso, è causato da infezioni virali o batteriche, lesioni. Se i sintomi persistono per più di un mese, allora parlano di un decorso subacuto della malattia. Quando i segni della malattia sono presenti per più di tre mesi, allora questa è già una neurite cronica del nervo uditivo. Naturalmente, prima viene diagnosticata la malattia, maggiori sono le possibilità di sbarazzarsi completamente della malattia..

Diagnostica

Durante l'esame iniziale, il medico può solo sospettare un danno al nervo uditivo. Per confermare questa ipotesi, è necessario un complesso di metodi di rilevamento aggiuntivi..

Prima di tutto, un paziente con problemi di udito è l'audiometria. Il metodo è abbastanza semplice, non richiede una preparazione speciale del paziente. L'audiometria consente di determinare il livello e il grado di ipoacusia (ovvero è associata alle strutture dell'orecchio esterno o medio, o all'orecchio interno e al nervo uditivo). Potresti anche aver bisogno di metodi di ricerca come potenziali evocati uditivi e neuroimaging (tomografia computerizzata o risonanza magnetica). Le tecniche di neuroimaging consentono di chiarire (o escludere) una serie di cause di neurite acustica.

Trattamento

Nei casi acuti di deficit uditivo, al paziente viene mostrato un trattamento ospedaliero. Nei casi subacuti, la decisione su questo problema viene presa individualmente; nella forma cronica, iniziano quasi sempre con un esame e un trattamento ambulatoriale. Nei casi acuti e subacuti, si sforzano di riportare l'udito al 100%, nei casi cronici questo è spesso impossibile da fare, quindi, stiamo parlando principalmente di stabilizzare la condizione e prevenire la progressione dei sintomi della malattia. Le tattiche di trattamento si formano, prima di tutto, sulla base della causa stabilita della malattia.

Quindi, se il colpevole è un'infezione virale, vengono prescritti farmaci antivirali. Se viene stabilito il tipo di virus, è preferibile la terapia selettiva (ad esempio, se il nervo uditivo è danneggiato dal virus dell'herpes, vengono prescritti farmaci Aciclovir). Nel processo batterico sono indicati gli antibiotici. In questo caso, la nomina di farmaci ovviamente ototossici (aminoglicosidi) dovrebbe essere evitata. Di solito, devono essere utilizzate dosi elevate per ottenere una concentrazione terapeutica sufficiente dell'antibiotico.

Se la causa della perdita dell'udito è l'avvelenamento con qualsiasi sostanza tossica, viene eseguita la terapia di disintossicazione (infusione endovenosa a goccia di Reopolyglukin, soluzioni di Ringer, soluzione salina di cloruro di sodio e così via).

Per le lesioni traumatiche sono indicati antidolorifici e diuretici (questi ultimi sono prescritti per ridurre il gonfiore del nervo uditivo). Per i processi autoimmuni vengono utilizzati agenti ormonali.

I farmaci che migliorano il flusso sanguigno e la nutrizione dei nervi sono ampiamente utilizzati. Questo è un gruppo di agenti vascolari e farmaci che migliorano la microcircolazione (ad esempio, Cavinton (Vinpocetine), Vasobral, Nicergoline (Sermion), Pentoxifylline (Trental)). Come antiossidanti possono essere usati Mexidol (Neurox, Mexicor), vitamine E e C. I complessi di vitamine del gruppo B (Milgamma, Benfolipen, Neuromultivit e altri) hanno un effetto positivo..

A volte è possibile utilizzare farmaci che migliorano la conduzione degli impulsi lungo il nervo. Questi sono farmaci come Neuromidin (Amiridin, Ipigrix, Axamon) e Proserin.

Nel trattamento della neurite del nervo uditivo vengono utilizzati attivamente metodi di trattamento non farmacologici: elettroforesi con farmaci, agopuntura, ossigenazione iperbarica, magnetoterapia.

Nei casi in cui la causa della perdita dell'udito è un processo tumorale primario, ricorrono al trattamento chirurgico. Questa può essere un'operazione stereotassica delicata (utilizzando un coltello gamma) o una craniotomia più traumatica (quando il cranio viene aperto per raggiungere il tumore). Se la causa è la metastasi di un altro tumore, di solito è limitata alla radioterapia.

La completa perdita dell'udito in una o entrambe le orecchie solleva la questione degli apparecchi acustici per il medico. Questa direzione è abbastanza ampiamente sviluppata al giorno d'oggi, aiuta le persone che non hanno sentito per molti anni..

Prognosi e prevenzione della malattia

Le forme acute di neurite acustica rispondono bene al trattamento conservativo ed è spesso possibile ottenere un ripristino completo della funzione uditiva. I casi subacuti sono difficili da prevedere. Nel decorso cronico della malattia, il trattamento raramente porta al ripristino delle funzioni perse. Più spesso è possibile solo arrestare o rallentare la progressione del processo.

La prevenzione della neurite del nervo uditivo è mantenere uno stile di vita sano, indurimento, alimentazione razionale. Tutto ciò aumenta le proprietà protettive del corpo, riducendo così il rischio di infezioni virali e batteriche. Quando compaiono i sintomi di un processo infettivo, non ci si dovrebbe auto-medicare (a maggior ragione, non assumere antibiotici da soli), ma è meglio cercare immediatamente un aiuto medico. In presenza di pericoli industriali (contatto con sostanze tossiche, rumore, vibrazioni), deve essere rispettata l'igiene del lavoro. Anche le misure per prevenire gli infortuni sono rilevanti. I pazienti con malattie vascolari che possono causare la comparsa di neurite acustica (ad esempio ipertensione, aterosclerosi dei vasi cerebrali), è necessario trattarli prima..

Pertanto, la neurite del nervo uditivo è una malattia che può rendere una persona disabile, privandola di uno degli organi di senso più importanti. Va ricordato che la ricerca tempestiva di assistenza medica in caso di sintomi caratteristici di questa malattia, nella maggior parte dei casi, consente di sconfiggere la malattia in una fase precoce.

L'otorinolaringoiatra V. Stas parla della neurite del nervo uditivo:

Perché il nervo uditivo si infiamma e come affrontare questa condizione

Anatomia e fisiologia del nervo uditivo

L'orecchio stesso ha tre sezioni:

  1. All'aperto.
  2. La media.
  3. Interno.

La fisiologia dell'udito umano è tale che tutte e tre le sezioni sono coinvolte nella sua percezione ed elaborazione, e ciascuna di queste sezioni ha la sua funzione..

L'orecchio esterno rileva il suono (agisce come una sorta di localizzatore), ne riconosce la fonte, la frequenza e conduce al timpano.

L'anatomia dell'orecchio esterno comprende, tra le altre cose, la protezione dell'intero sistema da sporco, infezioni, ecc. A causa del cerume e dei piccoli peli che crescono all'interno.

L'orecchio medio ha la seguente struttura:

  1. Cavità timpanica.
  2. Ossa uditive (martello, incudine e staffa).

L'orecchio medio svolge solo una funzione conduttiva.

L'orecchio interno ha:

  1. Lumaca.
  2. Canali semicircolari.

Lo schema dell'orecchio interno presuppone la presenza non solo di un organo responsabile del suono e della sua trasmissione, ma anche di una sezione speciale che svolge la funzione di mantenimento dell'equilibrio.

Il nervo uditivo proviene dal padiglione auricolare, o per essere precisi, dalla parte più profonda di esso, l'orecchio interno. È caratterizzato dalla presenza di due rami:

  1. La parte responsabile dell'udito.
  2. Parte dell'equilibrio.

Spesso, la neurite del nervo uditivo viene confusa con una malattia come la perdita dell'udito neurosensoriale, tuttavia, questo è fondamentalmente sbagliato.

Un altro malinteso comune è il confronto tra neurite ed Eustachite. L'eustachite è una malattia dell'orecchio medio e presenta gli stessi sintomi della neurite, ma non le cause.

Inoltre, la causa della perdita dell'udito sono spesso lesioni dell'orecchio esterno, medio o interno, che non hanno nulla a che fare con il sistema nervoso..

Sintomi

I sintomi caratteristici della neurite sono i seguenti:

  1. Perdita dell'udito generale. Molto spesso, se l'udito di una persona diminuisce gradualmente, in assenza di aiuto, ciò può causare sordità. La cosa più importante in questo caso sarà l'appello tempestivo a uno specialista qualificato ed esperto..
  2. Rumori o ronzio nelle orecchie. Tali problemi infastidiscono sempre una persona e gli stimoli esterni, la loro natura, origine o carattere non contano qui. Ovviamente, se stiamo parlando di sordità completa, allora in questo caso lo squillo è completamente assente..
  3. Disturbi dell'equilibrio, così come nausea o vertigini. Questi e altri sintomi simili possono manifestarsi se anche il nervo cocleare vestibolare è coinvolto nei processi infiammatori. Questo nervo è noto per trasportare le informazioni sull'equilibrio al cervello..
  4. Dolore acuto alle orecchie. Tale dolore è tipico del trauma acustico come una delle conseguenze del danno all'udito a seguito di un impatto meccanico..
  5. Pallore, debolezza e dolore alla testa. Tali sintomi di neurite possono manifestarsi nel caso in cui questa malattia abbia una natura tossica di origine ed è causata da un grave avvelenamento in una persona, e anche se i suoi sintomi principali sono segni di intossicazione acuta di tutto il corpo. In alcuni casi, i sintomi possono peggiorare.
  6. Mosche negli occhi e ipertensione. I sintomi si riferiscono alla neurite in quei casi in cui i disturbi dei vasi cerebrali si verificano insieme a loro nel corpo.
  7. Malessere, segni di infezioni respiratorie acute e febbre. Allo stesso tempo, la neurite è possibile se tutti questi sintomi si sovrappongono a processi di natura infettiva, inclusi ARVI o influenza.

La neurite può essere sia bilaterale che unilaterale e la sordità o si sviluppa sia in entrambi che in un orecchio.

Cos'è la malattia

La neurite uditiva è un'infiammazione del nodo nervoso situato nel padiglione auricolare. Inoltre, il ganglio fornisce:

  • connessione del sistema nervoso con l'articolazione temporo-mandibolare;
  • sensibilità del canale uditivo esterno;
  • afflusso di sangue alla membrana timpanica;
  • nutrizione della ghiandola salivare parotide.

Con la ganglionite, c'è un malfunzionamento nel nodo auricolare. Più spesso, la patologia si manifesta in combinazione con cambiamenti nel nervo trigemino, nonché con danni ai seni principali ed etmoidali e raramente si manifesta come una malattia indipendente.

La nevralgia del nervo uditivo viene spesso confusa con la perdita dell'udito neurosensoriale. La differenza tra un tipo di malattia e l'altro è che quest'ultimo si verifica a causa di malfunzionamenti del sistema nervoso e la neurite del nervo dell'orecchio è la causa della sua sconfitta.

La malattia viene solitamente diagnosticata nelle grandi città, poiché c'è un aumento del carico sull'orecchio. I giovani o le persone di mezza età si lamentano del problema. I pazienti anziani non prestano attenzione alla perdita dell'udito, considerando che questi cambiamenti sono naturali.

La ragione per lo sviluppo della neurite acustica può essere diversa. La cosa principale è la presenza di influenze esterne sul nervo uditivo o fattori provocatori. Quindi, le possibili cause della nevralgia possono essere:

  • influenza;
  • ARVI;
  • meningite;
  • otite;
  • "Parotite" (parotite);
  • rosolia;
  • abuso di determinate droghe;
  • accumulo di metalli pesanti nel corpo;
  • cattive abitudini;
  • trauma cranico;
  • esposizione regolare a suoni forti, vibrazioni (trauma acustico);
  • ipertensione arteriosa;
  • aterosclerosi;
  • trombosi;
  • gonfiore nell'orecchio;
  • età (oltre 60 anni);
  • ictus;
  • reazioni allergiche.

La causa più comune di infiammazione del nervo uditivo è la presenza di un'infezione o di un virus nel corpo, che porta ad un deterioramento dell'udito, e in situazioni particolarmente avanzate, alla sua completa perdita..

Le più pericolose in questa situazione non sono tanto le malattie infettive improvvise quanto le loro sottospecie croniche..

Di norma, il paziente rifiuta di visitare il medico, ritardando così il processo di guarigione. A sua volta, il nervo danneggiato non riceve un trattamento adeguato può privare completamente il paziente dell'udito..

Oltre all'infezione, le lesioni fisiche che si verificano a seguito di lesioni cerebrali traumatiche (contusioni, fratture, ecc.) Non hanno conseguenze meno disastrose. È abbastanza difficile ammaccare il nervo uditivo, ma possono essere provocati emorragia ed edema, che, a loro volta, influenzeranno il nervo, provocando una reazione dolorosa.

È possibile danneggiare il nervo uditivo senza danneggiare il cranio, attraverso un trauma acustico. Questa causa può causare intrappolamento dei nervi e ulteriori sintomi nevralgici..

A seguito dell'uso prolungato di antibiotici, il paziente può manifestare atrofia del nervo uditivo, che causa anche neurite (nevralgia).

In presenza di infiammazione interna, è possibile lo sviluppo dell'ipossia delle cellule del tronco nervoso del nervo uditivo, a seguito della quale i neuroni iniziano a svolgere la loro funzione peggio, le terminazioni nervose non trasferiscono bene le informazioni, il che porta allo sviluppo dei sintomi della neurite.

Principi di trattamento

Il trattamento corretto dipende dal tipo di infiammazione dei nervi nell'apparecchio acustico. Se la malattia è provocata da virus, infezioni, quindi, prima di tutto, viene eseguita la terapia antibiotica. Anche prescritto preparati vitaminici, bevendo molti liquidi. Se la patologia è causata da intossicazione e avvelenamento, la terapia viene eseguita utilizzando antidoti che rimuovono le tossine dal corpo.

Il trattamento complesso comprende procedure fisioterapiche, bagni minerali. Se la neurite si manifesta su uno sfondo di lesione cerebrale traumatica, vengono prescritti antidolorifici e farmaci diuretici. I farmaci per migliorare la circolazione sanguigna e i preparati vitaminici sono inclusi nel trattamento complesso.

Effetti

La conseguenza più pericolosa della neurite uditiva è la sordità, che, con il rapido decorso della malattia, può manifestarsi dopo poche ore. Il paziente viene ricoverato in ospedale per un trattamento intensivo in modo che i cambiamenti patologici non causino la morte delle cellule del nervo uditivo.

Su questo argomento
  • Natalia Sergeevna Pershina
  • 24 maggio 2020.

Le conseguenze della neurite uditiva dipendono dalla forma della malattia e dalla gravità del suo decorso. La prognosi più favorevole in termini di ripristino della funzione uditiva nelle patologie infettive e traumatiche. Con un trattamento adeguato e tempestivo, l'udito può essere ripristinato nel 95% dei casi. La sordità si verifica solo con gravi forme di nevralgia e la completa assenza di misure di riabilitazione.

La malattia nella fase cronica è più difficile da trattare. Il ripristino dell'udito è possibile se il processo patologico non ha avuto il tempo di causare gravi cambiamenti nel nervo uditivo. Il problema è difficile da trattare e nei pazienti anziani. Un trattamento tempestivo e competente consentirà di fermare lo sviluppo della malattia, ma non lo sradicherà completamente.

Per evitare la nevralgia del nodo auricolare, è necessario attenersi ad alcune raccomandazioni: non uscire senza cappello quando fa freddo, non assumere farmaci senza prescrizione medica, trattare tempestivamente le patologie degli organi ENT e condurre uno stile di vita sano.

Diagnostica

È necessaria una serie di misure per diagnosticare la neurite uditiva. Oltre a raccogliere informazioni sulle condizioni del paziente, viene assegnato uno studio specializzato (audiometria) per determinare il grado di ipoacusia. Esistono diverse varianti di questo metodo, ma di solito viene utilizzata l'audiometria vocale..

In questo studio, il medico si allontana di 6 metri dal paziente e inizia a pronunciare varie parole. In base ai risultati ottenuti, viene assegnato il grado di ipoacusia:

  • 1 grado: il paziente sente un sussurro a una distanza di 1-3 metri e una conversazione - a 4-6 metri;
  • 2 ° grado - 1 e 1-4 metri, rispettivamente;
  • 3 gradi: non sente un sussurro, ma la conversazione viene ascoltata a una distanza massima di tre metri
  • 4 gradi: il paziente è in grado di distinguere i suoni;
  • Grado 5: sordità completa.

La TC e la risonanza magnetica del nervo uditivo vengono utilizzate per determinare la causa della malattia. Se necessario, il medico ricorre ad altri metodi di esame.

Classificazione

L'infiammazione o il pizzicamento del nervo uditivo in neurologia è chiamata neurite cocleare del nervo uditivo, che ha la seguente classificazione:

  1. Acuto.
  2. Cronico.

Inoltre, la tipica neurite cocleare è:

  • Congenita.
  • Acquisite.

La neurite acuta è caratterizzata da uno sviluppo rapido e stabile. Quindi, l'udito del paziente si deteriora gradualmente, inizia a sentire l'acufene. Una caratteristica distintiva di questa condizione è l'assenza di disagio nelle prime fasi..

Il decorso favorevole del tipo acuto della malattia è la sua forma reversibile, che scompare gradualmente completamente. Di norma, questa sottospecie si verifica dopo il trasferimento di una malattia infettiva..

La forma cronica della malattia si sviluppa spesso a causa della mancanza di un trattamento adeguato ed è caratterizzata da un decorso più lungo.

In questo caso, il paziente inizia gradualmente a provare disagio dai sintomi, potrebbe avere una violazione dell'attività sociale, lo sviluppo della depressione.

Spesso il disturbo si sviluppa su un lato (lato destro, lato sinistro), ma è anche possibile lo sviluppo di neurite bilaterale (sia a sinistra che a destra). Naturalmente, la neurite bilaterale è molto più difficile da tollerare e provoca più disagio..

Per quanto riguarda la forma congenita della malattia, è piuttosto rara e si verifica durante il parto o durante la gravidanza, sempre lo stile di vita della futura gestante o la natura non professionale dei medici provocano pizzicamento o lesioni del nervo uditivo. È possibile pizzicare un nervo anche dopo la nascita, ma in una situazione del genere non sarà più un tipo di disturbo congenito, ma acquisito.

Ragioni per l'aspetto

Ci sono molte ragioni per la comparsa di questo disturbo. I principali includono:

  • infezione. Può svilupparsi sullo sfondo di malattie come rosolia, morbillo, infezione da herpes, influenza, ARVI, ecc.;
  • ipertensione, alterazione del flusso sanguigno nel cervello. Ciò è particolarmente vero per gli anziani;
  • sostanze tossiche. Sono componenti di molti antibiotici prescritti per curare varie malattie. Di conseguenza, le sostanze tossiche entrano nel corpo, che influenzano anche il nervo uditivo. Un esempio di tali farmaci è l'aspirina, la diuretica e altri. È anche abbastanza dannoso bere troppi alcolici, fumare. Tutto ciò causerà danni irreparabili al funzionamento dell'organo uditivo;
  • danno sul lavoro. Ciò è particolarmente vero per le organizzazioni e le imprese con un livello elevato di rumore e vibrazioni. Se lavori in tali condizioni per molto tempo, l'organo uditivo inizia a soffrire. Diventa suscettibile a varie malattie.

Tutti questi fattori hanno un impatto negativo sull'organo uditivo. Di conseguenza, inizia a infiammarsi, il che ha conseguenze disastrose. Le cellule in alcuni punti muoiono semplicemente.

Pertanto, non possono più funzionare come prima. Una persona lo sentirà sicuramente su se stessa. Poiché si verificano problemi di udito.

Modi popolari

Il trattamento della neurite acustica con metodi alternativi è un'aggiunta alla terapia tradizionale. È usato come strumento ausiliario, di regola, per alleviare il processo infiammatorio latente e aumentare l'immunità..

  1. Erba di timo (4 cucchiai), versare sopra l'acqua bollente e avvolgere in una garza. Applicare caldo sull'orecchio per 10 minuti. Durata: 10 giorni.
  2. Shilajit (compresse da 0,2 g) deve essere assunto a stomaco vuoto per 10 giorni. Parallelamente a questo, le compresse sono fatte da una soluzione al 10% di mummia. Si tengono 3 corsi con pause di 10 giorni.
  3. Fiori di calendula, frutti di biancospino (1 parte ciascuno), zamaniha, radice di Rhodiola rosea, spago e leuzeus di cartamo (2 parti ciascuno), rosa canina marrone (3 parti) vengono mescolati. Un cucchiaio della miscela viene versato con acqua bollente. L'infusione viene presa tre volte al giorno, 70 ml..

Oltre alle opzioni di trattamento sopra elencate, la neurite uditiva può essere trattata con rimedi popolari. Naturalmente, prima di applicare queste raccomandazioni, è imperativo consultare un medico per evitare complicazioni.

Una foglia grande e due piccole di questa erba vengono sbriciolate finemente e versate con acqua bollente. Quindi si fa bollire per 4-5 minuti e si insiste in un thermos per un massimo di 2 ore. Devi usarlo quattro volte al giorno per 1 cucchiaino. È necessario somministrare questa tintura al paziente per almeno 3 settimane..

Tintura di ginepro

Una bottiglia da 100 ml viene riempita esattamente a metà con bacche di ginepro. La seconda metà è piena di acqua bollita. La sostanza risultante viene insistita in un luogo buio per tre settimane..

Non è necessario bere la tintura, viene gocciolata nei serpenti ogni giorno, 3-4 gocce. L'effetto positivo appare sulla 2a settimana di ammissione.

Spremi il succo da una testa di cipolla e mescolalo con la vodka in un rapporto da uno a quattro (1 parte di succo di cipolla in 4 parti di vodka). Questa soluzione viene gocciolata nell'orecchio, non più di 2 gocce al giorno. Si consiglia di consultare un medico prima dell'uso..

Tre gocce di olio di canfora vengono mescolate con uno spicchio d'aglio schiacciato e la sostanza risultante viene avvolta in una garza. Questa borsa viene posizionata nell'orecchio dolorante e non viene rimossa fino a quando non appare una sensazione di bruciore. È importante non esagerare. Puoi usare questa borsa finché i sintomi dolorosi non scompaiono completamente..

A casa puoi anche usare la tintura della mummia. Un impacco è composto per il 10% dalla tintura, che viene inserita nell'orecchio dolorante, e inoltre puoi prendere 20 grammi di mamma prima dei pasti al mattino. Il corso del trattamento non supera i 10 giorni, dopo una pausa di 10 giorni e si ripete. Quindi puoi alternare 3-4 volte.

I semi di soia vengono messi a bagno per un massimo di sette ore in acqua bollita, dopodiché i fagioli vengono puliti e macinati. Versare acqua bollente su un terzo del bicchiere e portare a ebollizione. Dopo aver sforzato, puoi usare un decotto con il miele prima di coricarti fino a quando i sintomi non cessano..

C'è una ricetta quando una soluzione a base di cloramfenicolo viene instillata nelle orecchie, ma non la descriveremo, se il tuo medico lo riterrà necessario, ti dirà questa ricetta.

E forse il tipo di terapia più esotico è la sanguisuga..

La neurite acustica può essere trattata con l'irudoterapia.

La procedura è la seguente: al paziente vengono applicate 4-5 sanguisughe nell'area dietro le orecchie. È necessario eseguire fino a 7-9 sessioni fino al completo recupero.

Quindi, ovunque ti ammali, a casa o al lavoro, ricorda di consultare un medico e non auto-medicare. Questo disturbo è insidioso, poiché la perdita dell'udito può verificarsi dietro un'infiammazione banale..

Il bambino ha

Non solo un adulto, ma anche un bambino può danneggiare il nervo uditivo. Non ci sono differenze significative dalle cause, dai sintomi e dai metodi diagnostici tra la neurite nei bambini e negli adulti. Qualsiasi motivo tipico per un adulto (ad eccezione dei cambiamenti legati all'età) può provocare l'infiammazione del nervo uditivo in un bambino.

Il sintomo principale per un bambino, lo stesso di un adulto, è l'udito, che è aggravato dai sintomi concomitanti.

La differenza principale è il trattamento, o meglio, il dosaggio dei farmaci prescritti. Dopotutto, il peso e l'immunità di un bambino sono molto inferiori a quelli di un adulto, il che significa che ha bisogno di una sostanza molto meno attiva di questo o quel medicinale..

Ipoacusia neurosensoriale (neurite del nervo uditivo): sintomi, trattamento, diagnosi, prognosi

L'udito è uno dei sensi che garantisce la normale qualità della vita umana. Con la sua sconfitta, una persona non può percepire completamente i suoni del mondo circostante: parola, musica, rumore industriale e così via. Nel 73% dei casi, la perdita dell'udito è dovuta alla perdita dell'udito neurosensoriale. In questa condizione, una parte del nervo uditivo è danneggiata, spesso in modo irreversibile.

Fino ad ora, c'è ancora "confusione" con la designazione della diagnosi. Su Internet, rapporti medici e vecchie monografie, puoi trovare i seguenti termini: neurite cocleare, neurite / neuropatia del nervo uditivo, perdita dell'udito percettivo. Tutti questi sono concetti obsoleti che hanno perso la loro rilevanza nel 1992 con l'uscita della 10a edizione della Classificazione internazionale delle patologie (ICD-10). Queste raccomandazioni hanno proposto un concetto generalizzante - "ipoacusia neurosensoriale".

Caratteristiche anatomiche del nervo uditivo

Il nervo uditivo è l'VIII coppia cranica. Il suo percorso non ha alcun significato clinico in questa malattia, poiché il livello di danno non influisce sui sintomi della neurite uditiva. Si verificano quando una qualsiasi area è danneggiata dai recettori situati nelle cellule ciliate dell'orecchio interno al tronco cerebrale (più precisamente, la sua parte del ponte).

Le caratteristiche importanti che influenzano i sintomi della perdita dell'udito neurosensoriale sono le seguenti:

  • Le fibre del tronco del nervo uditivo sono distribuite in modo non uniforme. Alla periferia (lungo il bordo del tronco) c'è un percorso per la conduzione di suoni bassi. Verso il centro ci sono fibre che conducono toni più alti. Pertanto, prima di tutto, con questa patologia, soffre la percezione dei suoni bassi;
  • A causa del fatto che la parte vestibolare dell'VIII-esima coppia va di pari passo con l'udito, i pazienti spesso sperimentano: squilibrio, vertigini, nausea e altri segni di danno a queste fibre;
  • Poiché la conduzione dei suoni non soffre di ipoacusia neurosensoriale e il tronco nervoso viene colpito gradualmente, la sordità completa (anacusia) si verifica raramente nel periodo iniziale della malattia;
  • È possibile lo sviluppo di atrofia (malnutrizione) del tronco nervoso, a causa della sua compressione prolungata (edema, neoplasia e così via). In questo caso, la disabilità uditiva diventa irreversibile..

Considerando che nella perdita dell'udito neurosensoriale, solo il tronco nervoso è interessato (prima che entri nel cervello), le lesioni si verificano spesso su un lato (in un orecchio). Tuttavia, è possibile lo sviluppo di un processo bilaterale..

Classificazione

Nelle raccomandazioni nazionali degli otorinolaringoiatri, si propone di classificare l'ipoacusia neurosensoriale secondo tre criteri: la localizzazione della lesione, il tasso di sviluppo e il grado di "sordità". Inoltre, la malattia è divisa in acquisita e congenita, ma quest'ultima è estremamente rara. Ad esempio, con sifilide congenita, otosclerosi, perdita dell'udito progressiva con danno al labirinto.

A seconda della posizione del processo patologico, ci sono:

  • Unilaterale (lato destro e sinistro);
  • Bilaterale:
    • Simmetrico: la compromissione della percezione del suono è la stessa su entrambi i lati;
    • Asimmetrico: la funzione uditiva viene modificata in modo diverso a destra ea sinistra.

Molto spesso, si verifica una perdita dell'udito unilaterale, poiché per lo sviluppo di una lesione su entrambi i lati è necessario un fattore patologico comune.

Esistono le seguenti opzioni per il tasso di sviluppo della "sordità":

Tipo di ipoacusia neurosensorialeDurata dei sintomiQuanto tempo persistono i sintomi??
Improvvisa12 oreFino a diverse settimane (2-3)
AcutoEntro 3 giorniNon più di 4-5 settimane
SubacutoDiverse settimane (1-3)Da 4 settimane a 3 mesi
CronicoPiù di 3 mesi (sono possibili modifiche irreversibili)

Il tipo di sviluppo della sordità dipende dal grado di danno al nervo uditivo. Se la sua atrofia si sviluppa, di regola, la malattia diventa cronica.

Grado di ipoacusia neurosensoriale

Il grado di ipoacusia neurosensoriale è determinato dalla soglia uditiva del paziente (quanto forte la persona non sente il suono). Ci sono cinque opzioni:

Grado di perdita dell'uditoSoglia uditiva in decibel (dB)Esempio di rumore di soglia
1 °25-39
  • Whispering a una distanza di 3 metri;
  • Il volume del parlato a una distanza di 6 metri.
2 °40-54
  • Whispering a una distanza di un metro;
  • Volume di conversazione a una distanza di 4 metri.
3 °55-69
  • Il sussurro non viene ascoltato dal paziente.
  • Volume parlato a una distanza di un metro.
4 °70-89Il paziente può distinguere un discorso ad alta voce pronunciato vicino all'orecchio.
Anacusia (sordità completa)più di 90Il paziente non sente i suoni di alcun volume

Questa è la classificazione più comune approvata dall'OMS. Il grado di ipoacusia neurosensoriale deve essere necessariamente determinato in base ad esso.

Le ragioni

Con la perdita dell'udito neurosensoriale, si verificano sempre i seguenti fattori negativi:

  • violazione della microcircolazione (nutrizione) dei recettori uditivi, a causa della quale la loro funzione di percezione del suono diminuisce;
  • compressione delle fibre nervose da parte dei tessuti circostanti (edema, tumore, come conseguenza di un trauma e così via), che porta a una ridotta trasmissione degli impulsi dai recettori al cervello.

Queste condizioni possono svilupparsi per i seguenti motivi:

Alcuni tipi di virus e microrganismi hanno un tropismo (tendenza a danneggiare) al tessuto nervoso, in particolare i nervi cranici.

Danneggiando le loro cellule, gli agenti infettivi spesso causano cambiamenti irreversibili nella funzione uditiva..

Prima di tutto, c'è una malnutrizione dei recettori dell'udito, a causa della quale la loro funzione diminuisce gradualmente e quindi è irreversibilmente persa.

C'è anche una violazione della microcircolazione nel tronco del nervo stesso.

Gruppo di fattoriCome colpisce il nervo uditivo?Esempi di
Conseguenza di infezioni (principalmente virali)
  • ARVI;
  • Virus dell'herpes simplex;
  • Influenza;
  • Parotite;
  • Meningite (di qualsiasi tipo);
  • Neurosifilide.
Malattie vascolari (più spesso croniche)
  • Aterosclerosi;
  • Violazione della circolazione nel bacino vertebro-basilare (cronica o acuta);
  • Ipertensione (stadi II-III);
  • Diabete.
Malattie della colonna vertebrale
  • Spondilosi
  • Artrosi non vertebrale delle prime vertebre cervicali (fino alla 4a);
  • Spondilolistesi, in cui si sviluppa la "sindrome dell'arteria vertebrale" (questo vaso è compresso).
Agenti traumaticiTipicamente, il danno ai recettori del nervo uditivo si verifica con agenti traumatici. Tuttavia, con un colpo significativo alla regione temporale (più precisamente, all'area del processo mastoideo), il tronco del nervo stesso può essere ferito.
  • Lesione cerebrale traumatica meccanica (abbreviata in TBI);
  • Trauma acustico. Esposizione cronica a suoni con un volume superiore a 70 dB. Acutrauma acuto: suono superiore a 120-130 dB;
  • Barotrauma (a causa della pronunciata caduta di pressione).
Agenti chimiciIl tropismo al tessuto nervoso spesso porta a danni alla coppia VIII e perdita dell'udito neurosensoriale.
  • Sostanze di origine industriale (benzene, anilina, arsenico, mercurio, idrogeno solforato, fluoro e così via);
  • Prodotti chimici domestici (alcool, alte dosi di nicotina);
  • Alcuni farmaci farmacologici: antibiotici aminoglicosidici (streptomicina, vancomicina, gentomicina, amikacina), citostatici (cisplatino, endoxan), antimalarici e alcuni antiaritmici (chinidina)
Agenti radianti (estremamente rari)Le radiazioni radioattive possono danneggiare qualsiasi tessuto del corpo, ma i nervi sono molto meno colpiti di altri. Pertanto, questo fattore è estremamente raro..
  • Radioterapia per tumori maligni;
  • Contatto singolo con una sorgente di radiazioni significativa e contatto prolungato con un oggetto radioattivo di bassa intensità.
Processo idiopaticoIl danno al nervo uditivo dovuto a disturbi vascolari è più comune. Tuttavia, il meccanismo non è chiaro in modo affidabile..Nessuna causa nota

Il quadro clinico non dipende dalla causa dello sviluppo della perdita dell'udito neurosensoriale (l'eccezione è la meningite cerebrospinale), quindi viene presa in considerazione solo durante la diagnosi della malattia.

Sintomi

La lamentela più significativa dei pazienti è la perdita dell'udito. La perdita dell'udito neurosensoriale può verificarsi solo in un orecchio o su entrambi i lati contemporaneamente (vedi perché un orecchio è ipoudente). Come si può vedere dalla classificazione, può essere di vari gradi: dall'incapacità di sentire un discorso sussurrato all'anacusia. Prima di tutto, la percezione dei suoni bassi (discorso dei bassi, toni bassi nella musica e così via) soffre. Successivamente, si unisce una scarsa udibilità del suono ad alta frequenza.

  • Acufene - nel 92%, una diminuzione della capacità di percezione del suono è accompagnata da un rumore ossessivo costante da uno / due lati (vedi rumore nella testa). Può avere un timbro diverso, spesso rumore misto (suoni alti e bassi si fondono l'uno nell'altro).
  • Il dolore all'orecchio non è tipico della perdita dell'udito neurosensoriale (solo al momento della lesione).

Poiché le fibre vestibolari passano insieme alle fibre uditive, nei pazienti si osservano spesso i seguenti sintomi:

  • Vertigini costanti che peggiorano con il movimento;
  • Andatura instabile;
  • Compromissione della coordinazione (incapacità di eseguire movimenti precisi);
  • Nausea persistente, vomito intermittente.

È possibile l'aggiunta di altri segni della malattia, a seconda della causa dello sviluppo della perdita dell'udito.

Diagnostica

La violazione della percezione del suono è uno dei problemi socialmente significativi. Pertanto, se si sospetta una perdita dell'udito neurosensoriale, il paziente deve essere ricoverato in ospedale nel reparto ORL dell'ospedale, se possibile. Per assumere questa malattia è sufficiente:

  • Reclami dei pazienti sui sintomi di cui sopra;
  • Una storia di possibili cause che potrebbero portare a malattie.

Dopo il ricovero, vengono eseguite ulteriori diagnosi per confermare e chiarire la diagnosi.

Test dell'udito vocale

Un test elementare che non necessita di alcuna attrezzatura. Prima di tutto, esaminano l'udibilità del discorso sussurrato. Viene eseguito secondo il seguente algoritmo:

  • La distanza tra il medico e il paziente dovrebbe essere di 6 metri. Il paziente deve affrontare il medico con l'orecchio mentre chiude l'altra apertura uditiva;
  • Il medico pronuncia le parole principalmente con suoni bassi (buco, mare, finestra e così via), quindi con suoni alti (boschetto, lepre, zuppa di cavolo);
  • Se il paziente non riesce a sentire i suoni bassi / alti, la distanza viene ridotta di 1 metro.

Norma: i suoni bassi del discorso sussurrato devono essere chiaramente distinti dal paziente da una distanza di 6 metri, suoni alti - 20.

Se necessario, uno studio simile viene condotto utilizzando un discorso colloquiale..

Ricerca con un diapason

Il primo e più semplice metodo di diagnostica strumentale della funzione uditiva. Utilizzando diapason a bassa e alta frequenza, viene determinato il tipo di danno (incapacità di condurre suoni o perdita dell'udito neurosensoriale).

Cos'è un diapason? È uno strumento speciale che emette un suono di una frequenza specifica. Consiste in una gamba (per la quale il medico tiene in mano) e mascelle (quando le colpisci, si sente un suono). In medicina vengono utilizzati due tipi di diapason: C128(bassa frequenza) e C2048(alta frequenza).

I seguenti test sono rilevanti per la diagnosi di ipoacusia neurosensoriale:

Nome del testCom'è?Risultato normaleProvoca ipoacusia neurosensoriale
Rinne
  • Il diapason viene colpito sui rami e posizionato con la gamba sul processo mastoideo (l'area dietro il padiglione auricolare). Questo è un metodo per determinare la "conduzione ossea";
  • Dopo che il paziente smette di sentirlo, lo porta direttamente al condotto uditivo. Questo è un metodo per determinare la "conducibilità dell'aria";
  • Il test è positivo se il paziente sente nuovamente il suono di un diapason vicino al condotto uditivo (per almeno alcuni secondi). Negativo - se non sente.
PositivoPositivo (negativo se la conduzione del suono è disturbata)
WeberIl diapason viene colpito sui rami e posizionato al centro della testa (tra le orecchie).Il paziente sente un suono al centro della testa o allo stesso modo da entrambi i latiIl suono è più udibile nell'orecchio sano

La determinazione dei segni di ipoacusia neurosensoriale nei pazienti ci consente di assumere con sicurezza la sua presenza. Tuttavia, l'audiometria è necessaria per fare una diagnosi definitiva..

Audiometria

Questo esame viene eseguito utilizzando uno speciale generatore di suoni di una certa frequenza: un audiometro. Esistono diverse tecniche per utilizzarlo. Tradizionalmente, l'audiometria della soglia viene utilizzata per diagnosticare la perdita dell'udito neurosensoriale..

Questo è un metodo per determinare la soglia uditiva in decibel (una delle funzioni dell'audiometro), la conduzione ossea e aerea. Dopo aver ricevuto i risultati, il dispositivo costruisce automaticamente la curva del paziente, che riflette la funzione del suo udito. Normalmente è orizzontale. Con la perdita dell'udito neurosensoriale, la linea diventa obliqua, la conduzione aerea e ossea diminuisce in modo identico.

Per chiarire la funzione di ricezione del suono, esistono ulteriori metodi moderni di audiometria:

Presenza di lesioni dei recettori del nervo uditivo.

Viene determinata la soglia differenziale dell'intensità del suono nel paziente (PED).

Presenza di lesioni del tronco nervoso uditivo o del tronco encefalico.

Viene determinata la sensibilità di una persona agli ultrasuoni.

La capacità di comunicare il paziente nella società.

La sua capacità di comprendere il discorso di qualcun altro è determinata.

Metodo audiometricoCosa mostra?NormaProvoca ipoacusia neurosensoriale
Audiometria soprasoglia tonaleSoglia differenziale di intensità sonora 0,8-1 dBSoglia differenziale di intensità sonora inferiore a 0,6-0,7 dB
Sensibilità uditiva agli ultrasuoniUna persona percepisce gli ultrasuoni fino a 20 kHzLa soglia della sensibilità aumenta
Audiometria vocaleComprensione del parlato al 100%.Qualsiasi diminuzione della capacità di riconoscimento delle parole.

I metodi di cui sopra sono utilizzati per chiarire le condizioni del paziente, sono usati raramente nella pratica clinica..

Le linee guida nazionali mostrano anche la tomografia (TC) della regione temporale per escludere la presenza di tumori e l'ecografia dei vasi del bacino vertebro-basilare.

Trattamento

Le tattiche mediche differiscono in modo significativo, a seconda della forma di ipoacusia neurosensoriale, pertanto il loro trattamento è considerato separatamente. Una cosa rimane invariata: il trattamento precoce del paziente (quando compaiono i primi sintomi) migliora significativamente la prognosi della patologia.

Trattamento di una forma improvvisa / acuta

Se si sospetta una neurite acuta del nervo uditivo, il paziente deve essere immediatamente ricoverato al reparto ENT / neurologico dell'ospedale. Al paziente viene mostrata una modalità uditiva "protettiva", che esclude qualsiasi suono ad alto volume (discorso ad alto volume, musica, rumori ambientali e così via).

I seguenti farmaci sono raccomandati dagli Standards of Medical Care (MES):

  • Ormoni-glucorticosteroidi per via endovenosa (desametasone). Di regola, è prescritto per 7-8 giorni, con una graduale riduzione della dose;
  • Farmaci per migliorare la circolazione sanguigna, anche nel tessuto nervoso (pentossifillina / vinpocetina). Lo schema raccomandato di appuntamento: endovenosamente durante 8-10 giorni;
  • Antiossidanti (vitamine C, E; etilmetilidrossipiridina succinato).

Se dopo il trattamento ospedaliero c'è ancora bisogno di farmaci, vengono prescritti per ulteriori ricoveri, ma sotto forma di compresse.

Trattamento subacuto / cronico

Con queste forme, la patologia assume un decorso stabile o lentamente progressivo. Al fine di rallentare la diminuzione della funzione di percezione del suono, al paziente vengono mostrate le seguenti misure:

  1. Modalità uditiva "protettiva";
  2. Trattamento di altre malattie concomitanti che potrebbero portare allo sviluppo di ipoacusia neurosensoriale;
  3. Un regime di trattamento di supporto simile a quello per il trattamento della ipoacusia neurosensoriale acuta. In media, 2 volte l'anno.

Inoltre, si dovrebbe prestare la dovuta attenzione all'adattamento del paziente nella società con l'aiuto di attrezzature mediche specializzate..

Metodi di riabilitazione del paziente

Attualmente sono state sviluppate tecniche efficaci per adattare i pazienti con ipoacusia neurosensoriale cronica. Sfortunatamente, la maggior parte di essi comporta un intervento chirurgico e solo un modo è fatto con finanziamenti federali (gratuiti per il paziente).

MetodologiaCondizioni di installazioneCome funziona?
Apparecchi acustici con dispositivi per la conduzione aerea (tecnica preferenziale)2-3 gradi di ipoacusia neurosensorialeIl termine "apparecchio acustico" è comune tra la popolazione, che si riferisce a questi dispositivi. Per dimensione, sono suddivisi in:

  • Dietro l'orecchio;
  • Intraurale.

Sono fissati nel padiglione auricolare. Percependo i suoni dell'ambiente, i dispositivi li amplificano e li dirigono lungo il condotto uditivo.

Posizionamento dell'impianto dell'orecchio medio
  • 3 ° grado di perdita dell'udito;
  • Impossibilità di utilizzare un dispositivo esterno.
Il suo principio è simile. La differenza è che il dispositivo viene inserito chirurgicamente nell'orecchio medio del paziente.
Posizionamento dell'impianto cocleare
  • Ipoacusia neurosensoriale bilaterale di 4 ° grado;
  • Inefficacia degli "apparecchi acustici";
  • Il desiderio del paziente;
  • Il paziente non ha controindicazioni per la chirurgia.
Questo è un dispositivo che viene inserito chirurgicamente nell'orecchio interno. L'impianto converte il suono proveniente dall'ambiente esterno in impulsi elettrici, che vengono trasmessi ulteriormente lungo il tronco nervoso al cervello.

L'ipoacusia neurosensoriale è una malattia socialmente significativa che riduce la qualità della vita dei pazienti. Ecco perché, se sospetti questa diagnosi, dovresti immediatamente ricoverare il paziente e iniziare il trattamento per aumentare le possibilità di ripristinare la vitalità del nervo. Tuttavia, in assenza di tale opportunità, sono stati sviluppati metodi di riabilitazione che consentiranno a una persona di sentirsi a proprio agio nella società..

Domande frequenti dei pazienti

Esistono metodi efficaci di trattamento alternativo per la perdita dell'udito neurosensoriale??

No, ma esistono metodi fisioterapici che hanno dimostrato la loro efficacia: elettroforesi endourale di alcuni farmaci (galantamina, dibazolo, acido nicotinico e così via), massaggio delle zone parotidee e del colletto, correnti impulsive.

Il mio udito si riprenderà dopo il trattamento??

Dipende dalla forma dell'ipoacusia neurosensoriale. Nei pazienti con forme improvvise / acute, il recupero avviene entro 1 mese nel 93% dei casi. Con la perdita dell'udito subacuta e cronica, la prognosi è più negativa.

Esiste un'alternativa agli apparecchi acustici?

Sì, tuttavia, con meno efficienza. Nel 2011, un gruppo di scienziati ha condotto uno studio sui seguenti metodi: stimolazione vibro-sonora a bassa frequenza, elettroreflessoterapia e attivazione pedagogica del sistema uditivo. Hanno lo scopo di ripristinare i recettori del nervo uditivo, ma non sono comuni in Russia..

La perdita dell'udito neurosensoriale è ereditaria nei bambini??

La trasmissione della perdita dell'udito nella sifilide, nella labirintite progressiva e nell'otosclerosi congenita è nota in modo affidabile. In altre patologie, il ruolo dell'ereditarietà non è stato dimostrato..

Come trattare la coordinazione ridotta e le vertigini con la neurite?

Sono trattati in modo simile. È possibile includere nel corso nootropi (Cerebrolysin) e anticolinesterasici (Neuromidin). Solo un neurologo curante può integrare la terapia e scegliere la tattica finale.