Fobia dei serpenti

La zoofobia colpisce l'80% delle persone, metà delle quali soffre di erpetofobia o ofifobia (ofidiofobia) - paura dei serpenti. Perché le persone hanno paura dei serpenti e come smettere di aver paura dei serpenti: la psicologia risponde.

Cos'è l'erpetofobia

L'erpetofobia è la paura dei rettili. Qual è il nome della fobia dei serpenti? Ofidiofobia o serpentofobia. Ma più spesso questi due nomi sono usati in modo intercambiabile. Perché le persone hanno paura dei serpenti? Qualcuno ha paura del proprio aspetto e del modo di muoversi, mentre qualcuno ha paura di morire per un morso velenoso. In quest'ultimo caso, la paura è davvero giustificata, ma la sana paura da una fobia si distingue per un dettaglio: una persona è esperta di rettili, sa quali sono velenosi e quali no, sta attento nella foresta, quando incontra un rettile valuta freddamente il suo aspetto.

Herpetophobe, d'altra parte, si fa prendere dal panico alla vista di qualsiasi rappresentante, anche un serpente. Non può valutare razionalmente il pericolo, non comprende gli individui. Nelle fasi avanzate, fotografie, video, giocattoli lo spaventano. Una persona del genere evita foreste, zoo, negozi di animali. Un capriccio può iniziare anche se una persona vede qualcosa di simile all'oggetto della sua paura, ad esempio un pizzo, un tubo flessibile, un'ombra.

Cosa spaventa un ofidiofobo in un serpente:

  • bilancia,
  • sibilo,
  • linguaggio,
  • modo di viaggiare,
  • caratteristiche nutrizionali,
  • veleno e la probabilità di un morso.

Cause di paura dei serpenti

Ci sono cinque ragioni per lo sviluppo di una fobia:

  1. Predisposizione genetica. La paura dei rettili potrebbe provenire dai nostri lontani antenati. È associato all'istinto di sopravvivenza e autoconservazione..
  2. Psicotrauma personale (incontro con un rappresentante della specie). Nel 15% dei casi, la paura si forma dopo un'esperienza personale negativa con un serpente. Forse ha morso una persona o un suo amico, o forse si è solo spaventata molto. O forse qualcuno è stato spaventato da una storia dell'orrore che l'animale sarebbe uscito dal terrario, o è successo davvero.
  3. Eredità dai genitori. Se i genitori hanno paura e il bambino ha visto la loro reazione, anche lui inizierà ad avere paura dei serpenti. Si può parlare di isterismo e orrore di panico dei genitori davanti al bambino, o intimidazioni per motivi di preoccupazione..
  4. Caratteristiche personali di una persona combinate con uno scherzo crudele di amici. Uno scherzo innocuo sotto forma di lanciare un serpente (forse un giocattolo) in una casa o in una borsa può provocare traumi e fobia. Non solo le battute pratiche possono influenzare la psiche, ma anche i film dell'orrore in cui i serpenti attaccano le persone.
  5. Credenze religiose. In alcune religioni e culture, il serpente è considerato un simbolo del male.

Esiste un prerequisito comune a tutte le fobie: interruzioni ormonali, disturbi nel lavoro dei sistemi neurotrasmettitori. Ciò accade sullo sfondo di disturbi mentali, alcol, nicotina e tossicodipendenza, abuso di caffè e bevande energetiche, uso prolungato e improprio di farmaci psicoattivi. Se la ragione sta in questo, è indicato il trattamento medico della fobia..

Gruppi a rischio

Il gruppo a rischio comprende persone sospette, ansiose, impressionabili, insicure e vulnerabili. Così come individui eccessivamente cauti con una maggiore necessità di controllo totale.

Come sbarazzarsi di una fobia

Per sbarazzarti di una fobia, devi cambiare la tua percezione e il tuo comportamento. Per questo, viene utilizzata la terapia cognitivo comportamentale. Comporta un avvicinamento graduale all'oggetto della paura. Per prima cosa, al cliente vengono raccontati tipi sicuri di serpenti, vengono mostrate le loro immagini, quindi gli viene offerto di incontrare personalmente un serpente non velenoso. Lo psicologo è lì, aiuta a superare la paura, suggerisce quali metodi di rilassamento dovrebbero essere usati.

Il consiglio dello psicologo

Gli psicologi consigliano di utilizzare i seguenti suggerimenti per correggere la condizione:

  1. Fai un'analisi scritta della tua fobia. Determina cosa ti spaventa esattamente. Ora scrivi quali serpenti vivono nella tua zona e cosa sono peculiari. Confronta questo con le tue paure. Di solito in questa fase, metà dell'esperienza scompare. Ad esempio, sapevi che i serpenti non hanno veleno??
  2. Inizia a legare con il resto delle preoccupazioni. Guarda l'immagine del serpente e il video del serpente.
  3. Quando una specie di serpente smette di farti prendere dal panico, visita il terrario, chiedi ai suoi lavoratori i rappresentanti della specie e le peculiarità della comunicazione con loro. Trova un servizio che ti consenta di toccare il serpente.

La diagnosi di ofidiofobia viene fatta se la paura dei serpenti impedisce a una persona di vivere una vita piena per sei mesi o più. Quali metodi vengono utilizzati nel trattamento professionale dell'ofidiofobia:

  1. Desensibilizzazione dell'elaborazione mediante movimento oculare (DPDG). Questa è una tecnica speciale per rilasciare e correggere il subconscio. Implica l'implementazione di movimenti oculari rapidi secondo uno schema speciale. Grazie a questo esercizio, i vecchi ricordi cessano di essere percepiti come minacciosi, lo psicotrauma viene elaborato.
  2. Ipnosi. Se eseguito correttamente, può alleviare una persona da una fobia in una sessione (il numero di sessioni dipende dalla gravità della malattia).
  3. Rilassamento. Questo metodo, a differenza di altri, può essere utilizzato da solo. Il rilassamento include esercizi di respirazione, meditazione, conteggio mentale e concentrazione sulla respirazione, affermazioni.

Lavoro autonomo con fobia

Nelle fasi iniziali dello sviluppo di una fobia, puoi affrontare il problema da solo. Per fare ciò, devi, prima di tutto, riconoscere l'esistenza del problema e iniziare a studiare il mondo delle creature striscianti. Allenarsi a riconoscere creature pericolose e non pericolose, padroneggiare le precauzioni di sicurezza quando si contatta un rappresentante velenoso. Visita il terrario e pratica lì, nei momenti di panico, calmati con una respirazione lenta e profonda. La fine della lotta contro la fobia può essere una sessione fotografica con un boa constrictor, e per cominciare puoi acquistare un giocattolo a forma di serpente.

A cosa può portare una fobia?

Senza trattamento, le condizioni del paziente peggioreranno. Nelle fasi avanzate compaiono allucinazioni, il paziente è tormentato da incubi. Lo stress costante distrugge i principali sistemi del corpo, peggiora la salute fisica e mentale..

5 modi infallibili per smettere di aver paura dei serpenti

Per le persone che hanno paura o disgusto dei rettili, è interessante sapere quando la paura dei serpenti è considerata una condizione umana naturale e quali casi di paura sono correlati ai disturbi d'ansia fobica e se questa patologia è curabile..

Qual è il nome della fobia dei serpenti?

Paura dei serpenti - ophidiofobia, questo nome include le parole greche "ophidio" - serpente e "phobos" - paura. Una persona può avere paura:

  • tipo di pelle di serpente;
  • sibilo;
  • lingua sporgente;
  • i movimenti del suo corpo;
  • il pericolo rappresentato dal serpente.

L'ofidiofobia è stata identificata come una sottospecie separata di erpetofobia (paura di rettili, rettili e serpenti), poiché è la più comune.

Entrambi i disturbi sono classificati come zoofobia.

Cause di occorrenza

La malattia è più suscettibile alle persone sospettose, impressionabili e caute. Gli esperti nominano i motivi principali della comparsa dell'ofidiofobia:

  1. Esperienza personale.
    L'esperienza negativa causata dalla paura dall'apparizione inaspettata del serpente e dal suo sibilo o morso e dalla riabilitazione a lungo termine possono annidarsi nel subconscio per anni, per poi manifestarsi come patologia non a seguito del contatto con i rettili nella realtà, ma alla vista della sua immagine.
  2. Atteggiamenti dei genitori.
    Il bambino adotta la paura dei serpenti dai suoi genitori come modello di comportamento, questo può influenzare la formazione subconscia della sua fobia.
  3. Fallimento del sistema neurotrasmettitore.
    Un eccesso di sintesi degli ormoni dello stress e una mancanza di produzione di neurotrasmettitori gratificanti. Ciò rende il sistema nervoso vulnerabile a varie malattie mentali..

Film dell'orrore o giochi per computer pieni di un'atmosfera di paura e aggressività possono contribuire alla formazione della patologia..

Alcuni esperti ritengono che la paura di incontrare serpenti sia una conseguenza della convivenza di animali potenzialmente pericolosi e antenati umani per 40-60 milioni di anni, è genetica. Ciò è stato confermato da studi di scienziati del Max Planck Institute for Cognition and Brain Science (Germania) e dell'Università di Uppsala (Svezia), condotti nel 2017:

Ai bambini di 6 mesi sono state mostrate immagini di serpenti e ragni, e questo ha causato loro una risposta allo stress (pupille dilatate), a differenza del tipo di pesce o fiori.

Paura dei serpenti

A livello emotivo, si manifesta l'erpetofobia:

  • eccitazione e lieve tremore;
  • pensieri ansiosi ossessivi sul pericolo;
  • il desiderio di nascondersi dal contatto con i rettili;
  • incubi.

Nella fase iniziale, la malattia procede con sintomi alleviati..

Una persona è costretta a cambiare il suo stile di vita: non andrà in un negozio di animali o in un circo, dove c'è un'alta probabilità di vedere un serpente, evita di camminare nel parco o fare escursioni nella foresta. Si rende conto che la reazione del corpo è illogica, ma non può controllare le sue condizioni..

Fisicamente, i sintomi appaiono parossistici:

  • forte sudorazione;
  • bocca asciutta;
  • soffocamento;
  • aumento della pressione sanguigna;
  • nausea e vomito;
  • violazione del ritmo cardiaco;
  • vertigini;
  • svenimento.

Senza trattamento, la malattia peggiora. In forma grave, l'immagine di un rettile o la menzione di esso incatena una persona, impedendogli di muoversi e può portare a un infarto. Scorre nella sua testa le opzioni più terribili per l'esito di un incontro con un rettile. Un attacco di disturbo di panico può essere innescato da una corda, una corda arrotolata e un altro oggetto simile a un serpente.

Nella maggior parte dei casi, il paziente ha anche paura di impazzire..

Una persona può essere perseguitata dal pensiero che nella sua casa ci siano serpenti pronti ad attaccarlo. In costante ansia, cerca crepe e modi attraverso i quali i rettili possano entrare in casa e li blocca, tira trappole, cattura cani e gatti in modo che possano reagire con la loro reazione per avvertire della comparsa di serpenti.

Trattamento dell'erpetofobia

Un disturbo mentale può portare a condizioni pericolose per una persona: nevrosi, depressione, delirio, schizofrenia. Le fobie vengono trattate con psicoterapia e farmaci. Ha lo scopo di superare gradualmente la paura e ridurla a una semplice antipatia per i rettili. Metodi di trattamento:

  1. Desensibilizzazione dell'elaborazione tramite movimento oculare (DPDG).
    Basato su movimenti rapidi dei bulbi oculari in uno schema. Questo fa funzionare l'uno o l'altro emisfero del cervello, eliminando l'impatto negativo degli eventi traumatici e alleviando l'ansia.
  2. Rilassamento.
    Include meditazione, respirazione controllata, conteggio mentale e affermazioni positive. Le tecniche aiutano una persona a controllare la propria condizione di fronte a immagini di serpenti.
  3. Terapia comportamentale cognitiva.
    Il paziente scrive i suoi pensieri e ragiona su quanto siano pericolosi i rettili. Questo aiuta a identificare le immagini più spaventose e, in base all'idea che i sentimenti e il comportamento di una persona sono determinati non dalla situazione in cui si trova, ma dalla sua percezione di questa situazione, le associazioni negative sono sostituite da credenze positive..
  4. Terapia di gruppo.
  5. Ipnosi.
    Aiuta a capire la causa della paura e rivivere la situazione che l'ha causata per la prima volta. Gli atteggiamenti vengono riprogrammati nel subconscio del paziente.

Il corso di psicoterapia consiste in 10-20 sedute, prescritte 1-2 volte a settimana. Lo specialista cambia la percezione dei rettili da parte del paziente, sviluppa un nuovo modello di comportamento che consente di evitare lo stress quando si incontra con loro. Il paziente riceve i compiti sotto forma di esercizi di autoipnosi.

Nel trattamento di imaging, al paziente vengono mostrate immagini di rettili e allo stesso tempo lo calma, riduce l'ansia e infonde fiducia.

A poco a poco, supera la paura, prima davanti alle figure e alle immagini dei rettili, poi al contatto con specie non velenose.

Per migliorare lo stato psico-emotivo, rilassarsi e migliorare il sonno del paziente, il medico può prescrivere sedativi o antidepressivi. Il trattamento farmacologico elimina le manifestazioni esterne delle paure, ma non le ragioni alla base di esse.

Per il paziente, il sostegno e la comprensione dei propri cari è importante. Non dovrebbe nascondere le emozioni negative dentro di sé. Per sbarazzarti della paura, devi ammettere il tuo problema..

4 motivi per la paura dei serpenti e metodi per sbarazzarsi di Herpetofobia

La maggior parte delle persone sulla terra ha paura. Le sue ragioni potrebbero essere diverse. Più della metà delle persone ha paura degli animali, in particolare dei serpenti. Questa paura non provoca risate, perché la maggior parte di questi rettili sono pericolosi per l'uomo. Nonostante il fatto che l'umanità delle città, in larga misura, sia protetta dai serpenti, tuttavia, la paura in alcune persone può trasformarsi in una fobia.

Ophidiofobia: ecco come viene chiamata la paura dei serpenti. Appartiene alla classe della zoofobia. Le persone inclini a questa malattia non solo hanno paura del contatto diretto con i rettili, ma escludono anche completamente l'osservazione visiva dei serpenti. Non possono guardare film o libri con illustrazioni di serpenti, non possono leggerli o ascoltarli, toccare oggetti che assomigliano anche lontanamente a un animale. Molto spesso, i bambini sono inclini a questo, ma gli adulti non fanno eccezione..

Cos'è l'erpetofobia?

In psicologia, l'erpetofobia è chiamata paura irresistibile dei rettili. Una delle varietà di questo disturbo è l'ofidiofobia - paura dei serpenti. Secondo le statistiche, questa paura è molto comune tra gli abitanti del nostro pianeta..

Il fatto che una persona abbia paura di rettili e serpenti non è sorprendente. Abbiamo ereditato questa paura dai nostri antichi antenati, che vivevano a stretto contatto con la natura e spesso venivano morsi da serpenti velenosi. Tali morsi spesso sono diventati la causa di una morte dolorosa, quindi le persone avevano paura di tutti i tipi di rettili striscianti.

Gli abitanti delle città moderne sono protetti dall'incontro con i serpenti, quindi, in realtà, non hanno nulla da temere. Tuttavia, la paura che abbiamo ereditato dai nostri antenati si è radicata a livello genetico e in alcune persone può improvvisamente "svegliarsi" e svilupparsi in una fobia.

La paura dei serpenti e di altri rettili di per sé non è una patologia. Ogni persona normale capisce che queste creature possono causare gravi danni alla salute e persino uccidere, quindi dovrebbero essere temute. Ma la paura non ha nulla a che fare con una fobia. La fobia fa tremare una persona di paura al solo accenno ai serpenti. E questa è già una deviazione dalla norma..

Diagnostica

Diagnosi: l'ofidiofobia viene effettuata se la fobia che impedisce a una persona di vivere supera i sei mesi

La diagnosi di erpetofobia si basa su un sondaggio di una persona che ha paura dei serpenti. I criteri diagnostici in questo caso saranno:

  • la presenza di una paura pronunciata, costante e ingiustificata che sorge quando si scontrano con i serpenti o con una premonizione di un tale incontro;
  • avere attacchi di panico in una situazione spaventosa;
  • la comprensione di una persona dell'infondatezza delle proprie paure;
  • il desiderio di evitare situazioni spaventose.

La diagnosi viene fatta se il periodo durante il quale la fobia impedisce a una persona di funzionare normalmente supera i sei mesi. L'esame iniziale da parte di uno psichiatra o psicoterapeuta costa circa 1500-2000 rubli.

Come si manifesta la paura dei rettili?

Un individuo che soffre di erpetofobia o ofidiofobia ha paura di qualsiasi contatto con i rettili. Non solo non può essere vicino a un serpente vivente, ma anche guardare film, programmi TV o video con la partecipazione di queste creature. Fotografie e disegni raffiguranti serpenti provocano attacchi di paura incontrollabile nel paziente. Anche i serpenti giocattolo ei rettili li spaventano.

Gli erpetofobi evitano qualsiasi situazione in cui possono affrontare l'oggetto della loro paura. Non visitano mai zoo, spettacoli circensi con animali, non vanno nei negozi di animali, hanno paura di uscire nella natura, camminare nella foresta o nei campi. Anche l'improbabile opportunità di incontrare un serpente è una buona ragione per cui una persona rifiuta un'escursione o un viaggio..

In alcuni casi, il disturbo progredisce in una fase grave e il paziente inizia a pensare che i rettili striscianti lo stiano inseguendo ovunque. Esamina costantemente il suo alloggio, alla ricerca di un nido di serpenti, intasa tutte le fessure in cui possono penetrare i rettili. Una persona del genere può persino rimuovere il pavimento della casa per verificare se i serpenti vivono sotto di esso..

L'erpetofobo immagina un serpente che sibila e percepisce ogni fruscio come il suono di un serpente che striscia. Gli individui particolarmente sospettosi possono persino sentire il tocco di un rettile. Di notte, il paziente può avere incubi che coinvolgono queste creature, dai quali si sveglia sudando freddo. Può tenersi pronto o portare con sé qualsiasi oggetto che lo aiuti a difendersi dall'attacco del serpente ea respingere il suo attacco..

I sintomi fisici dell'ofidiofobia sono:

  • palpitazioni cardiache, tachicardia in caso di collisione con l'oggetto della paura;
  • nausea, vertigini, voglia di vomitare;
  • sudorazione appesa;
  • tremore e debolezza nel corpo;
  • difficoltà a respirare, bocca secca;
  • disorientamento e incapacità di controllarsi.

Sintomi

Se una persona incontra l'oggetto della sua fobia, ha un attacco di panico. Che è caratterizzato da sintomi somatici come:

  • Tachicardia, fino alla comparsa di dolore al petto. La persona pensa di aver avuto un infarto, quindi va ancora di più nel panico. In effetti, in questo caso, ha bisogno di cure mediche urgenti, altrimenti verrà la morte.
  • Disturbi respiratori. Spaventato, il fob inizia a respirare spesso, tanto da portare all'iperventilazione dei polmoni. Il sangue è saturo di ossigeno, il che ti fa girare la testa e, peggio di tutto, c'è una mancanza d'aria. Una persona semplicemente soffoca e può perdere conoscenza.
  • Crampi allo stomaco, vomito, nausea e diarrea.
  • Tremando nel corpo, tremando il mento e la voce. I movimenti diventano aspri, instabili e l'andatura traballante.
  • Mal di testa, arrossamento della pelle. La persona suda nonostante la temperatura interna o esterna.
  • Perdita di controllo sul proprio comportamento. Serpentofobo piange forte e chiede aiuto. Compie atti per i quali poi prova vergogna e senso di colpa. Inoltre, la percezione della realtà è distorta, è in grado di causare danni a se stesso e agli altri in preda al panico. Ad esempio, se entrava in una stanza e vedeva che c'era un terrario, quindi abbastanza spaventato, poteva saltare dalla finestra, considerando che era in pericolo di vita nella stanza. Successivamente, ovviamente, viene ferito contro il vetro, e poi, se sopravvive dopo una caduta dall'alto. In generale, in un momento del genere la coscienza diventa tunnel, un pensiero sulla salvezza pulsa nella testa e la capacità di prendere decisioni razionali è completamente assente..
  • Mancanza di respiro, stupore. Una persona diventa eccessivamente attiva e pignola, o, al contrario, diventa insensibile e incapace di pronunciare una parola, rimarrà ferma, anche se il serpente si avvicina a lui.

Fattori che causano paura

Ogni erpetofobo ha paura dei serpenti a modo suo. Gli psicologi identificano diversi fattori che causano paura:

  • l'aspetto dei rettili, che a molte persone sembra spaventoso;
  • pelle fredda, scivolosa, sgradevole al tatto;
  • strano, dal punto di vista di un uomo a due gambe, modo di muoversi;
  • sibilo sgradevole e terribile;
  • reazione rapida di una creatura che può attaccare completamente inaspettatamente;
  • paura di un morso velenoso e paura di morire.

Dovresti aver paura dei serpenti?

La paura dei serpenti è giustificata nel caso in cui una persona si trovi in ​​natura e si trovi in ​​un certo numero di paesi dove ci sono individui velenosi qui, una ragionevole cautela non farà male. Alcuni fatti per cui non dovresti avere totalmente paura dei serpenti:

  1. Lo stereotipo secondo cui il serpente è l'animale più velenoso del pianeta non è corretto, su 2,6mila specie 240 sono velenose.
  2. Il serpente ha anche paura di una persona e non attaccherà per primo se non lo calpesti o ti avvicini al nido.
  3. Il serpente rilascia raramente veleno, per lo più solo morsi.
  4. Problemi di udito e vista durante la muta: anche se una persona passa vicino al serpente, potrebbe non accorgersene.
  5. Durante il giorno, i serpenti si nascondono in luoghi appartati e sono attivi solo al mattino e alla notte..

Cause di erpetofobia

Ci sono diverse ragioni per lo sviluppo della paura patologica dei rettili..

  • Esperienza negativa personale. In questo caso, la paura si sviluppa dopo che una persona incontra un serpente. E non importa se fosse velenoso o no. I serpenti si muovono molto silenziosamente e possono strisciare verso una persona inosservata, spaventandola. In alcuni individui, questa paura è fissata a livello subconscio e si trasforma in una fobia. Tuttavia, non tutti gli erpetofobi hanno ricevuto la loro paura dopo il contatto con i rettili. Molti di loro hanno visto solo serpenti allo zoo o in TV..
  • L'esperienza negativa di qualcun altro. Non è necessario avere un'esperienza traumatica per lo sviluppo di una fobia. Per le persone impressionabili e paurose, l'esperienza di qualcun altro è sufficiente. Dopo aver sentito la storia che qualcuno è stato morso da un serpente, potrebbero iniziare a temere queste creature e aggirarle..
  • Eredità. L'ofidiofobia, come qualsiasi altra fobia, può essere ereditata. Se i genitori hanno una forte avversione o paura dei rettili, i bambini possono ereditare queste condizioni e il loro comportamento..
  • Credenze religiose. In alcune culture religiose, il serpente è considerato una creatura diabolica e incontrarlo promette guai e disgrazie. Le persone che credono profondamente in questo spesso soffrono di paure patologiche simili..
  • Un pareggio infruttuoso. La fobia può essere causata da un brutto scherzo o scherzo che coinvolge un serpente. Una persona può essere così spaventata che la sua paura si trasforma in una fobia. Pertanto, quando si organizzano tutti i tipi di estrazioni, è necessario pensare sempre alle loro possibili conseguenze per le persone a cui sono destinate..
  • Violazione dei processi biochimici nel corpo. Secondo questa versione, una fobia può essere causata da alcuni disturbi nel lavoro dei sistemi neurotrasmettitori, che possono apparire a seguito di un uso eccessivo di alcol, sostanze stupefacenti o droghe psicotrope..

Perché si verifica la fobia del serpente

Esistono diverse teorie per spiegare perché gli esseri umani sviluppano una fobia del serpente. Tra questi ci sono quelli chiave:

  1. "Capricci" dell'evoluzione. Nel corso del suo sviluppo, una persona "invasa" dalle paure. E se prima rappresentavano davvero un modo efficace di protezione, oggi molte paure non sono più così rilevanti. E la fobia dei serpenti è una di queste.
  2. Esperienza negativa. Alcune persone hanno vissuto un incidente pericoloso o solo molto spiacevole con un serpente: non si tratta solo di morsi, ma semplicemente dell'improvvisa apparizione spaventosa di un rettile. Una persona inizia a temere la ripetizione di una situazione traumatica, coltivando gradualmente una fobia in se stessa. È interessante notare che anche un film di paura o un gioco per computer può causare traumi psicologici (questo accade principalmente durante l'infanzia).
  3. Eredità. I genitori che soffrono di paure di natura diversa provocano l'emergere di fobie nei bambini. Inoltre, gli adulti non hanno bisogno di aver paura dei serpenti: ogni paura diventa terreno fertile per lo sviluppo di un disturbo in un bambino..

In alcuni casi, la fobia dei serpenti è esacerbata da altre paure. Ad esempio, può trasferirsi ad altri animali, causare paura degli spazi aperti, causare l'incapacità di uscire.

Trattamento dell'erpetofobia

Per curare la tua paura dei rettili, devi vedere uno psicoterapeuta. Esistono vari trattamenti per questi disturbi e sono abbastanza efficaci. I metodi più diffusi sono: terapia cognitivo-comportamentale, ipnosi, imaging.

Per alleviare le condizioni del paziente, il medico può prescrivere farmaci che riducono le manifestazioni di paura e ansia. In combinazione con il trattamento psicoterapeutico, tali farmaci danno un buon risultato..

L'erpetofobia, come qualsiasi altra paura patologica, richiede un approccio competente e un trattamento qualificato. Dopo un ciclo di terapia correttamente selezionato, quasi tutti i pazienti si liberano della paura e alcuni di loro hanno persino un serpente o un altro rettile a casa..

Psicoterapia

Ma le principali nel trattamento dell'erpetofobia sono varie tecniche psicoterapeutiche volte a "riprogrammare" la percezione visiva dei rettili con la successiva risposta corretta ad essi. I metodi più comuni di psicoterapia sono:

  1. Tecnica cognitivo-comportamentale. Il trattamento è finalizzato all'individuazione della causa che ha portato allo sviluppo della fobia e alla sostituzione del setting patologico con il comportamento corretto durante il contatto visivo con i rettili.
  2. Tecnica di desensibilizzazione sistematica: insegnare al paziente il massimo grado di rilassamento. L'acquisizione dell'abilità per raggiungere il completo rilassamento aiuta a comunicare visivamente con i serpenti e sviluppare un riflesso condizionato al rilassamento invece di ansia e tensione.
  3. Programmazione Neuro Linguistica. Ipnosi "lieve", finalizzata a impostare una reazione positiva del paziente al soggetto della sua paura.
  4. Psicocorrezione: azione mirata per identificare e correggere i difetti del comportamento e della visione del mondo.

La psicoterapia dà il massimo effetto nel trattamento dell'erpetofobia. Pertanto, se il paziente non riesce a far fronte alle paure sorte sui serpenti, l'aiuto psicoterapeutico sarà il più efficace..

Erpetofobia: superare la paura dei rettili

Quando arriva la paura, raramente si dorme (Sire Publications)

Secondo i dati pubblicati dall'OMS, i disturbi d'ansia sono la malattia mentale più comune e prevalente nel mondo. Sono presentati nella più ampia gamma di manifestazioni di ansia, comprese fobie isolate indipendenti di varia intensità e frequenza di attacchi: come una reazione eccessiva a uno specifico fattore di stress, come una sensazione di panico di orrore, che ha completamente preso il sopravvento sulla vita del paziente.

La maggior parte delle persone moderne sperimenta eccitazione, ansia, ansia in una certa misura, quindi tutti dovrebbero essere consapevoli dell'esistenza di una linea sottile tra la norma - paura naturale e patologia - ansia irrazionale e incontrollata. Il contenuto dei disturbi fobici, come la naturale cautela e paura umana, è ampio e diversificato: qualsiasi oggetto, fenomeno, situazione può diventare un oggetto di paura.

Manifestazione di disordine

Molte persone si considerano erpetofobe, sebbene in realtà tali affermazioni siano una chiara esagerazione. Nella maggior parte dei casi, la paura dei serpenti velenosi è giustificata, giustificata e logica. Per una persona, una paura tempestiva è un'adeguata reazione protettiva del corpo a un probabile pericolo.

L'erpetofobia è una paura ossessiva dei rappresentanti della famiglia dei rettili: rettili, serpenti, lucertole. Questo disturbo è una delle sottosezioni della zoofobia. La paura dei rettili nella fase iniziale della malattia, così come l'ansia minore in altri disturbi fobici, procede con il sollievo dei sintomi e la loro esacerbazione.

La forma grave del disturbo patologico è accompagnata da una paura onnicomprensiva, intensa, costantemente presente e rende impossibile al paziente mantenere una vita piena. I malati di erpetofobia evitano di visitare terrari, negozi di animali, spettacoli circensi, si rifiutano di camminare nei parchi ed è improbabile che facciano escursioni nella foresta. Provano il panico, anche quando vedono immagini e figure di rettili, indipendentemente dalle dimensioni dell'animale, che si tratti di un minuscolo geco o di un enorme anaconda.

In una fase grave della malattia, alla vista di un serpente, la paura del paziente "incatena" così tanto che spesso una persona non controlla se stessa e il proprio corpo: non può prendere la decisione giusta, agire adeguatamente, non può nemmeno muoversi o fare passi per ritirarsi. Con questa forma della malattia, è estremamente importante cercare aiuto medico e sottoporsi alle cure necessarie..

Erpetofobia: cause

Versione 1. Esperienza personale

Una delle teorie sulle cause dell'erpetofobia è l'esperienza personale negativa: una forte paura di una vera "collisione" con i rettili. La prima reazione alla vista dei serpenti è paura per la sorpresa e questi animali non danno a una persona il tempo di analizzare i fatti e pensare alle loro azioni.

Quindi, in Australia, a volte i serpenti strisciano in un'abitazione, alla ricerca di luoghi caldi, e in seguito vivono e si riproducono in casa. Un simile quartiere ha un impatto significativo sulla psiche umana, trasformando una persona in un prigioniero dell'erpetofobia.

Spesso la patologia si manifesta diversi anni dopo l'evento traumatico, nascondendosi nel subconscio fino a quando la persona non entra nuovamente in contatto con l'oggetto della paura, e non necessariamente nella realtà: può essere un film spaventoso su serpenti e spaventose illustrazioni di rettili.

Versione 2. La paura viene dall'infanzia

Spesso le origini dell'erpetofobia risiedono nell'educazione sbagliata del bambino, nell'atteggiamento sbagliato dei genitori nei confronti dei rettili. La maggior parte dei bambini è molto emotiva, impressionabile e non può valutare correttamente eventi e informazioni. Inoltre, i genitori sono persone rispettate e autorevoli per i bambini, di cui si fidano completamente, quindi i bambini reagiscono agli eventi imitandoli. Vedendo l'atteggiamento negativo di chi è vicino ai rettili, ricevendo informazioni sul pericolo mortale rappresentato da questi animali, si forma nel bambino un certo stereotipo di reazione a queste creature.

Film horror e giochi per computer: le "storie dell'orrore" giocano un ruolo speciale nell'emergere dell'erpetofobia, l'atmosfera in cui è piena di negatività, paure, incubi e aggressività.

Versione 3. Eredità genetica

Alcuni scienziati "incolpano" la caratteristica genetica delle persone per l'insorgenza di erpetofobia e considerano questa paura evolutiva. Per i nostri antenati, i serpenti velenosi erano un pericolo significativo, le persone primitive cercavano di tenersi lontane da queste creature a distanza. I rettili si muovono molto velocemente e quasi in silenzio. Sono bravissimi a nascondersi e mimetizzarsi, sanno nuotare e sanno stare in agguato alla preda nei luoghi più inaspettati. Una persona può notare un serpente solo quando si avvicina a una distanza estremamente ravvicinata.

Nel corso del tempo, l'istinto naturale di autoconservazione è cambiato e le lucertole in miniatura hanno iniziato a causare paura, perché i loro movimenti assomigliano a quelli dei serpenti..

Un disturbo mentale più grave (ad esempio: paura dell'impotenza) può essere nascosto sotto la copertura dell'erpetofobia. Nelle famiglie cristiane, la paura dei serpenti è generalizzata con la paura di peccare, perché l'educazione religiosa anche nella Bibbia indica che Satana prese la forma del Serpente-Tentatore per sedurre i primi progenitori in Paradiso.

Erpetofobia: sintomi

Un individuo che soffre di erpetofobia si rende conto che la sua ansia è troppo esagerata, sfida la spiegazione logica, ma una persona non può controllare i suoi sentimenti durante gli attacchi di paura. Un paziente con diagnosi di erpetofobia sperimenta nervosismo, sensazione di agitazione, irritabilità, uno stato sull'orlo del collasso. Ha aumentato la fatica, ridotta concentrazione.

Alla vista di un oggetto di paura, una persona manifesta sintomi autonomici del disturbo, fino agli attacchi di panico. Il ritmo cardiaco del paziente è disturbato, la respirazione diventa più veloce, la pressione sanguigna aumenta. Sente mancanza di respiro e soffocamento, mal di testa, vertigini, persino svenimento. In un momento del genere, ha una sensazione di irrealtà di ciò che sta accadendo, si aggiunge la paura di perdere il controllo, impazzire o morire.

Va notato che senza terapia, questo disturbo peggiora nel tempo, assumendo forme più gravi..

Erpetofobia: trattamento

In questo disturbo, il trattamento farmacologico viene prescritto esclusivamente per alleviare i segni degli attacchi di panico, rilassare il paziente e calmare il suo sistema nervoso. Medici esperti pongono l'enfasi principale nel trattamento dell'erpetofobia sull'uso dell'ipnoterapia. Durante le sedute di ipnosi, gli atteggiamenti "scorretti" nel subconscio del paziente vengono neutralizzati e riprogrammati. Anche le tecniche di PNL e la psicoterapia cognitivo-comportamentale forniscono buoni risultati..

Altre fobie associate alla paura degli animali:

  • insettofobia: paura dei rettili;
  • aracnofobia: paura dei ragni e degli aracnidi;
  • kinofobia: paura dei cani;
  • ailurofobia: paura dei gatti.

ISCRIVITI AL GRUPPO VKontakte dedicato ai disturbi d'ansia: fobie, paure, pensieri ossessivi, VSD, nevrosi.

Paura dei rettili: segni e metodi per affrontare l'erpetofobia

Cos'è l'erpetofobia?

La zoofobia è il tipo più comune di fobie, che includono l'erpetofobia (altro greco ἑρπετόν - rettile, φόβος - paura) o ofidiofobia - paura di serpenti e rettili. La gravità della paura è altamente individuale e varia da un lieve disagio a sintomi gravi come gli attacchi di panico. Serpenti e rettili raramente provocano un senso di ammirazione in qualcuno, più spesso è disgusto e antipatia. In grado grave, l'erpetofobia può manifestarsi:

  • un'immagine o un serpente provoca un attacco di panico (nella vita reale, una persona non ha incontrato i serpenti);
  • grave paura e intorpidimento;
  • palpitazioni;
  • sudorazione intensa;
  • mancanza d'aria.

Fattori che causano paura

La paura dei rettili di solito incontra la comprensione, ciò è dovuto a diversi fattori:

  • l'aspetto di questi animali
  • superficie scivolosa del loro corpo
  • strano (nella comprensione di una persona a due gambe) modo di movimento
  • incomprensibilità generale di questa creatura, le sue motivazioni, il comportamento
  • lingua del serpente
  • potenziale minaccia, paura di essere morsi, poiché può essere fatale.

In linea di principio, questa è una normale reazione difensiva umana a una creatura pericolosa, ma a volte si trasforma in paura patologica - quando fa paura anche solo guardare questa creazione della natura. Film, fotografie, oggetti, anche lontanamente simili a un serpente, provocano l'orrore e la totale impossibilità di cogliere un'immagine o semplicemente di contemplare.

Inoltre, non solo si sviluppa gradualmente una fobia dei serpenti, ma anche una paura di tutto ciò che può indirettamente ricordarli o essere associato a loro..

Quali sono le cause di una fobia dei serpenti, che si chiama ofidiofobia?

Gli psicologi non possono determinare la causa esatta della paura dei serpenti, specialmente tra i residenti di quelle regioni in cui i serpenti non esistono affatto.

Non c'è niente di insolito nello sviluppo di una fobia di questa direzione. La paura umana dei rettili si è evoluta insieme all'evoluzione. Quando l'Homo sapiens acquisì abilità e capacità intellettuali, sviluppò contemporaneamente un forte senso di autoconservazione. La prima tragica esperienza di una collisione con queste creature fissò il potenziale pericolo nella mente.

L'antipatia per i serpenti è aggravata dalla natura stessa. L'effetto della sorpresa può essere colto di sorpresa e una persona non sarà in grado di reagire al pericolo in tempo. I serpenti sono quasi invisibili. Possono apparire di fronte a una persona in qualsiasi momento e attaccare. Ecco perché un incontro inaspettato provoca paura inevitabile anche nell'individuo più coraggioso..

I bambini hanno paura dei serpenti perché la paura viene trasmessa loro dai genitori. Ripetono esattamente il comportamento dei loro mentori senior e la paura dei serpenti è ben fissata nelle loro menti. Tuttavia, la stessa esperienza negativa può essere acquisita indipendentemente dal comportamento degli adulti..

I bambini incontrano spesso i rettili sulla loro strada. A seconda della disposizione del carattere e dopo una serie di tali incontri con il pericolo, può sorgere una fobia. Anche le battute dei compagni di classe possono risolvere questa paura nella mente. I ragazzi lanciano serpenti giocattolo ai loro compagni. Nei bambini con una psiche indebolita o un carattere altamente impressionabile, tale autoindulgenza può formare una fobia persistente..

Forse sarà dimenticata per un po '. Ma se nella vita di una persona simile si verifica una situazione che porta allo stress, allora la fobia può svegliarsi e uscire dagli angoli nascosti della coscienza. Non dimenticare che i rettili e le loro immagini sono usati per vari rituali di magia nera. E questo fatto aggiunge alcuni punti allo sviluppo della fobia..

Solo il 15% delle persone ha questo disturbo a seguito del contatto con un serpente:

  • l'apparizione inaspettata di un rettile;
  • sensazione di disgusto alla loro vista;
  • sensazioni dolorose dal morso;
  • sensazioni spiacevoli da sibilo, ecc..

La battuta di qualcuno può causare seri turbamenti. Gli amici gettano il serpente negli effetti personali o nella borsa di un amico. Un tale incontro con un rettile può avere un effetto estremamente negativo sulla psiche della persona che volevano interpretare.

La fobia incontrollata di fronte ai serpenti è più comune nelle persone sospette, vulnerabili e impressionabili.

Da un punto di vista biologico, la paura dei serpenti è una conseguenza di un malfunzionamento del sistema neurotrasmettitore, che porta all'eccessiva produzione di ormoni dello stress. Questo accade alle persone che abusano di alcol, assumono droghe e psicofarmaci.


Contatto serpente

Come viene effettuato il trattamento?

La terapia per l'erpetofobia comporta il cambiamento degli atteggiamenti nei confronti dei serpenti. Un'esperienza positiva di contatto con questi rettili è molto importante. Di solito non è richiesto l'uso di farmaci. Questa fobia è considerata relativamente innocua e altamente curabile..

Aiuto professionale

In psichiatria, i mezzi della terapia cognitivo-comportamentale sono usati per trattare le fobie, che danno un risultato positivo duraturo e ti permettono di sbarazzarti completamente della malattia.

Innanzitutto, il medico identifica le cause della paura, elimina le idee sbagliate sui serpenti, sviluppa un nuovo modello di comportamento e aiuta a stabilire un contatto con questi rettili..

È importante ricevere supporto dai propri cari durante il trattamento. Devi condividere le tue paure e preoccupazioni con loro. Più una persona che soffre di ofidiofobia parla delle sue esperienze, prima si riprende. Dopo tutto, riconoscere i problemi esistenti è la componente più importante della terapia..

In alcuni casi vengono utilizzate tecniche di ipnosi o visualizzazione. Al paziente vengono mostrate immagini di serpenti o viene chiesto di presentarle. Quindi il medico calma il paziente, sollevandolo dalla paura..

Tranquillanti e sedativi vengono utilizzati solo nelle fasi iniziali del trattamento o nei casi più gravi. Aiutano ad alleviare gli stati di nevrosi e l'ansia, eliminano i disturbi del sonno, ma non curano la fobia.

È interessante notare che, dopo aver eliminato il problema, molte persone danno alla luce serpenti o altri rettili come animali domestici..

Dovresti aver paura dei serpenti?

La paura dei serpenti è una fobia che non sorge dal nulla. Sin dai tempi antichi, molti animali sono stati un grande pericolo per l'uomo. Prima che le persone imparassero a distinguere tra creature innocue da quelle portatrici di una minaccia diretta, molte vite furono deposte sull '"altare della natura". La paura dei serpenti è geneticamente radicata e fissata negli esseri umani. Ci sono diversi motivi per l'erpetofobia:

  1. L'evoluzione è la fissazione nel genoma di tutti i tipi di pericoli mai incontrati, inclusa la paura dei rettili.
  2. Motivi religiosi: un serpente, un animale sacro o un portatore di forze "oscure" in diversi paesi. Fin dalla tenera età, le persone sono cresciute nella paura e nella sacra soggezione dei rettili..
  3. Paure infantili: il bambino non ha necessariamente incontrato il serpente da solo, ma ha ascoltato le storie dei parenti su un simile incontro, che è finito in un ospedale pietoso o, peggio ancora, fatale. Un bambino del genere, anche divenuto adulto, alla menzione dei serpenti, con un brivido "ricorda" gli eventi come se fosse successo a lui.
  4. Un incontro personale è un evento traumatico se il serpente è ancora velenoso. Questa situazione può verificarsi nella foresta, sul campo. In alcuni paesi: Africa, America Latina, India, i serpenti strisciano nelle abitazioni e possono pungere una persona che dorme. Tutto questo lascia un'impronta sulla psiche e si forma il disturbo d'ansia..

La paura dei serpenti è giustificata nel caso in cui una persona si trovi in ​​natura e si trovi in ​​un certo numero di paesi dove ci sono individui velenosi qui, una ragionevole cautela non farà male. Alcuni fatti per cui non dovresti avere totalmente paura dei serpenti:

  1. Lo stereotipo secondo cui il serpente è l'animale più velenoso del pianeta non è corretto, su 2,6mila specie 240 sono velenose.
  2. Il serpente ha anche paura di una persona e non attaccherà per primo se non lo calpesti o ti avvicini al nido.
  3. Il serpente rilascia raramente veleno, per lo più solo morsi.
  4. Problemi di udito e vista durante la muta: anche se una persona passa vicino al serpente, potrebbe non accorgersene.
  5. Durante il giorno, i serpenti si nascondono in luoghi appartati e sono attivi solo al mattino e alla notte..

Le paure ossessive avvelenano la vita di una persona, privandola della gioia. La comunicazione con la natura è una fonte importante per riempire una persona di energia e positività. Come superare la paura dei serpenti per godere dell'unità con la natura. Gli psicoterapeuti consigliano di non ritardare la visita a uno specialista che prescriverà una terapia adeguata, nei casi gravi con l'uso di tranquillanti e sedativi. Nei casi lievi di erpetofobia, i seguenti metodi possono aiutare:

  • studiare la letteratura sui serpenti;
  • guardare documentari sui serpenti;
  • osservazione di un serpente, accompagnato da una persona cara, in uno zoo terrario, uno zoo, un negozio di animali;
  • contatto diretto per superare la paura con un serpente addomesticato.

Manifestazione di disordine

Molte persone si considerano erpetofobe, sebbene in realtà tali affermazioni siano una chiara esagerazione. Nella maggior parte dei casi, la paura dei serpenti velenosi è giustificata, giustificata e logica. Per una persona, una paura tempestiva è un'adeguata reazione protettiva del corpo a un probabile pericolo.

L'erpetofobia è una paura ossessiva dei rappresentanti della famiglia dei rettili: rettili, serpenti, lucertole. Questo disturbo è una delle sottosezioni della zoofobia. La paura dei rettili nella fase iniziale della malattia, così come l'ansia minore in altri disturbi fobici, procede con il sollievo dei sintomi e la loro esacerbazione.

La forma grave del disturbo patologico è accompagnata da una paura onnicomprensiva, intensa, costantemente presente e rende impossibile al paziente mantenere una vita piena. I malati di erpetofobia evitano di visitare terrari, negozi di animali, spettacoli circensi, si rifiutano di camminare nei parchi ed è improbabile che facciano escursioni nella foresta. Provano il panico, anche quando vedono immagini e figure di rettili, indipendentemente dalle dimensioni dell'animale, che si tratti di un minuscolo geco o di un enorme anaconda.

In una fase grave della malattia, alla vista di un serpente, la paura del paziente "incatena" così tanto che spesso una persona non controlla se stessa e il proprio corpo: non può prendere la decisione giusta, agire adeguatamente, non può nemmeno muoversi o fare passi per ritirarsi. Con questa forma della malattia, è estremamente importante cercare aiuto medico e sottoporsi alle cure necessarie..

Quali sono le cause di una fobia dei serpenti, che si chiama ofidiofobia?

Una persona che soffre di ofidiofobia, all'inizio di una situazione critica, è "incatenata" dalla paura, grida forte, chiede aiuto, cerca di allontanarsi il più possibile dall'oggetto della paura. La persona che soffre della malattia cambia l'ombra del viso: diventa pallido o arrossato. Le mani tremano, la persona fa gesti vigorosi, il timbro del discorso cambia, la sua voce trema, il battito cardiaco aumenta, appare mancanza di respiro, i palmi iniziano a sudare, la bocca si sente secca, può vomitare e avverte un malessere generale.

Sintomi della malattia

Nella fase iniziale della malattia, un paziente che vede l'oggetto della sua paura nella realtà o sullo schermo televisivo, appare ansia, tensione. La paura si trasforma in un attacco di panico, caratterizzato da un attacco vegetativo, manifestato dai seguenti sintomi:

  • aumento della frequenza cardiaca fino a 100-120 battiti al minuto;
  • aumento della pressione sanguigna;
  • violazione del ritmo cardiaco - comparsa di extrasistoli;
  • respirazione rapida;
  • nausea o vomito;
  • tremore pronunciato delle dita delle braccia tese;
  • brividi, scuotendo l'intero corpo del paziente, sostituiti da una sensazione di calore;
  • secchezza delle mucose della bocca;
  • abbondante sudore freddo;
  • soffocamento, sensazione di un "nodo" alla gola;
  • mal di testa, vertigini;
  • voglia di urinare con una grande quantità di urina di colore chiaro.

Questa sintomatologia vegetativa è accompagnata dalla paura della morte del paziente. Nelle fasi iniziali della malattia, gli attacchi di panico possono essere lievi e accompagnati solo da un aumento della frequenza cardiaca, aumento della pressione e sudore freddo. Ma, nel tempo, se questa condizione non viene trattata, la malattia progredisce, i sintomi della patologia sono aggravati. Le crisi vegetative diventano più gravi, la loro frequenza aumenta, la psicastenia aumenta.

La paura e uno stato ossessivo di vedere rettili ovunque fanno sì che il paziente limiti la sua attività attiva. La mancanza di trattamento può provocare lo sviluppo di disturbi mentali:

  • convinzione delirante: il paziente si convince che il suo appartamento non è un luogo sicuro, poiché vari serpenti lo penetrano;
  • ossessione - il paziente smette di uscire di casa, esamina e controlla costantemente le più piccole fessure nel pavimento e nelle pareti, chiude ermeticamente tutte le finestre e il bagno del bagno, temendo che vari rettili e un grande serpente che vive nella fogna possano entrare nell'appartamento dalla strada.

Paura dei serpenti - psicologia

Le paure irrazionali nascono apparentemente dal "niente", senza motivo. Una persona inizia ad avere paura dei serpenti, ma non capisce perché sta accadendo, non ci sono ragioni per giustificare questa paura in una situazione reale. La psicoanalisi spiega le paure inventate dal fatto che il subconscio di una persona è pieno di simboli o archetipi, decifrando il simbolo, è possibile identificare la "radice" della causa della paura. La paura dei serpenti secondo Freud è una negazione del principio maschile, dove il serpente stesso è un simbolo fallico.

La psicosomatica come reazione del corpo sorge in risposta a una violazione dell'adattamento umano all'ambiente a causa di uno stress prolungato. La paura dei serpenti è una fobia che forma uno stato simile alla nevrosi a lungo termine, che può essere espresso nelle seguenti manifestazioni:

  • paura incontrollabile dei serpenti;
  • pronunciata sensazione irrazionale di ansia;
  • un desiderio irresistibile, ossessivo di evitare l'incontro;
  • la paura dei serpenti è sentita come se non avesse confini o limiti;

Fisicamente, i sintomi compaiono come forti capogiri, nausea, vomito, mal di testa, sudorazione, secchezza delle fauci e palpitazioni cardiache. Dal solo pensiero dei serpenti, una persona inizia un attacco di panico, fino all'intorpidimento degli arti.

Psicologicamente, la fobia dei serpenti si manifesta in pensieri ossessivi, spesso hanno incubi, desiderio di nascondersi, scappare, chiudersi a contatto con loro. Questa paura di panico è incontrollabile, una persona non può riprendersi e calmarsi..

Naturalmente, tutti questi sintomi danno a una persona molti disagi, quindi questo disturbo deve essere eliminato il prima possibile..

  1. Pensieri ossessivi che ci siano serpenti in casa sua;
  2. Esaminando attentamente la casa e chiudendo eventuali fessure attraverso le quali il serpente, a giudizio del paziente, può entrare in casa;
  3. Attacchi di panico al solo pensiero di questi animali, accompagnati da battito cardiaco accelerato, nausea, vertigini, febbre o brividi.
  4. Una persona è costantemente sotto stress e convinta che i serpenti lo attaccheranno..

Trattare il problema

La fobia richiede un serio controllo psicologico e la correzione della percezione e del comportamento. Per sbarazzarsi di una tale fobia come la paura dei serpenti, usano metodi psicologici collaudati. Sotto la supervisione di uno psicoterapeuta, ad ogni seduta, il paziente contatta un rettile non velenoso. Questo è un ottimo metodo per adattare il paziente e costruire la corretta linea di comportamento con un animale a sangue freddo..

La terapia cognitivo comportamentale implica, nel processo di dialogo con il paziente, la sostituzione del suo atteggiamento negativo nei confronti del fattore irritante.

La desensibilizzazione sistematica (completo rilassamento) aiuta a entrare in contatto con il rettile anche nei pazienti con disturbi più gravi. La terapia farmacologica viene utilizzata solo per eliminare i sintomi dell'attacco di panico. Per fare questo, prescrivi tranquillanti e sedativi una tantum in un corso standard di 1 mese.

Lavora su te stesso

Il primo passo per il recupero è il riconoscimento del problema da parte del paziente. Oltre all'aiuto psicologico di un medico e delle medicine, il paziente stesso deve lottare per la guarigione. Devi capire perché il serpente può attaccare. Questa creatura non sta cercando specificamente una persona per pungere. Cerca di imparare le abitudini degli altri rettili. Ad esempio, se un serpente può essere pericoloso, la maggior parte delle lucertole è completamente sicura per gli esseri umani ed è stupido averne paura. Avendo compreso i principi dell'interazione umana con la fauna selvatica, puoi liberarti in modo indipendente dalla paura del serpente.

Devi padroneggiare alcune pratiche rilassanti. Questi sono esercizi di respirazione e meditazione. La respirazione misurata attraverso il naso con gli occhi chiusi ha un effetto rilassante e aiuta ad astrarre rapidamente dal mondo esterno.

Puoi combattere tu stesso la tua paura del serpente